Contenuto sponsorizzato
Tutto pronto per la demolizione del diedro di roccia che incombe su Mori, si userà la dinamite. Prevista l'evacuazione di 170 persone

La Provincia: "Sarà demolito in due fasi. L’ operazione è stata pianificata, restano da confermare solamente le date". La data più probabile è quella del 3 settembre, a cui seguirà dopo 15 giorni la seconda parte delle operazioni. Gli abitanti di via Teatro ospitati nella scuola elementare

Pubblicato il - 12 agosto 2017 - 12:59

MORI. L'ormai famosissimo diedro che minaccia l'abitato di via Teatro sarà fatto saltare in aria, sbriciolato dalla forza della dinamite. Le sue ore sono ormai contate, sarà spazzato via, e forse con lui se ne andranno anche le polemiche. Ma non è detto.

 

Il vallo tomo costruito per contenere l'esplosione (non tanto il diedro) rimarrà a imperitura memoria, anche se qualcuno ha già proposto (o minacciato) di abbatterlo. Ma torniamo al diedro, e riportiamo il comunicato stampa della Pat che informa: "Sarà demolito in due fasi. L’ operazione è stata pianificata, restano da confermare solamente le date".

 

La più probabile è quella del 3 settembre, a cui seguirà dopo 15 giorni la seconda parte delle operazioni, "data che comunque dovrà essere confermata dai tecnici che seguono i lavori preparatori". 

 

Le operazioni inizieranno, in tutte due le giornate che saranno confermate, attorno alle ore 8 per concludersi nel primo pomeriggio. Il 28 agosto si terrà a Mori una serata informativa per la popolazione in cui saranno diffusi i dettagli dell’operazione, che è complessa visto che si svolge a ridosso di un centro abitato e coinvolge quindi diversi specialisti. 
 

Come è noto, le dimensioni dell'ammasso roccioso sono di circa 1500 metri cubi. "Al momento il diedro è sottoposto a continuo monitoraggio - informa la Protezione civile - e data la sua instabilità, si è ritenuto più prudente eseguire la rimozione controllata, con l'uso di esplosivo, in due distinte fasi per garantire la massima sicurezza, per la popolazione e per gli operatori". 

Ai piedi del diedro è già stato ultimato il vallotomo. "Si tratta di un'opera in grado di trattenere senza problemi massi di dimensioni anche consistenti. Tuttavia l'intento è di demolire il diedro in porzioni molto piccole, in modo da ridurre comunque al minimo l'impatto della caduta del materiale roccioso, sfruttando la capacità contenitiva dell'opera a valle".

In questi giorni è in fase di attuazione un intervento di preparazione dell'ammasso roccioso, per consolidare e contenere la parte inferiore e consentire, nella prima giornata di intervento, la demolizione della parte superiore. Di seguito si eseguirà, nella seconda giornata, la demolizione della parte rimanente.

A livello precauzionale sarà chiesto agli abitanti di via Teatro, circa 170 persone, di evacuare dalle loro abitazioni. La popolazione interessata sarà invitata a portarsi presso la Scuola elementare dove sarà garantita l’accoglienza, compreso il servizio mensa, con il pranzo che sarà assicurato dai Nu.Vol.A.

Nel centro di accoglienza sarà allestito anche un punto di assistenza sanitaria, dove opereranno Croce Rossa, 118 Trentino emergenza e Psicologi per i popoli, per dare supporto medico e psicologico alle persone che ne avessero necessità.


La “zona rossa”, che comprende l’area che sta in un raggio di 300 metri dal diedro che sarà demolito, sarà isolata mediante il controllo degli accessi stradali, dei sentieri e delle vie ferrate. Saranno quindi allestiti dei punti di vigilanza presidiati dalle forze dell'ordine, in collaborazione con i Vigili del Fuoco, in tutta l'area interessata dalle operazioni e nelle zone di accesso ai sentieri di montagna.

Sarà inoltre assicurata l’assistenza sanitaria per garantire un intervento immediato per incidenti sia all’interno che all’esterno dell’area operativa. 118 Trentino Emergenza garantirà l’eventuale trasporto sanitario di persone non autosufficienti, allettate o inferme, presso ospedali o strutture della zona, per il tempo necessario.

Le operazioni inizieranno attorno alle 8 del mattino. Alle 8.40 comincerà l’evacuazione. Per le ore 10.00 tutte le abitazioni dovranno essere state sgomberate. Alle ore 10.30 verrà chiusa al transito via Teatro. Quindi, attorno alle ore 11.00, verrà fatto brillare l'esplosivo che demolirà il diedro. 

Dopo il controllo dell'efficacia dell'operazione si procederà con la rimozione dei blocchi di accesso, l'ispezione delle abitazioni per la verifica di eventuali danni e la riapertura della zona. Quindi, nel primo pomeriggio, la popolazione potrà fare ritorno nelle proprie abitazioni. Durante lo svolgimento delle operazioni di brillamento - 30 minuti circa, salvo imprevisti - sarà necessario interrompere la circolazione sulle strade.

Questa quindi è la sequenza delle attività:

interdizione dell’area rossa; rimozione sulla superficie superiore di materiale pericolante, tramite disgaggio;

messa in sicurezza tramite ancoramento della porzione inferiore; perforazione; posizionamento dell’esplosivo;

evacuazione della popolazione dal centro abitato;

istituzione dei blocchi a strade e sentieri; brillamento;

controllo danni; rientro della popolazione;

ripristino delle attività.

Il brillamento sarà anticipato con l’emissione di tre suoni intermittenti di una sirena.

L'intervento sarà coordinato dalla Protezione Civile del Trentino, in particolare dal Servizio Prevenzione rischi della Provincia autonoma di Trento, con la collaborazione di vari altri soggetti fra cui i Vigili del Fuoco Volontari di Mori e dell’Unione distrettuale della Vallagarina, Croce Rossa Italiana, 118 Trentino Emergenza, Psicologi per i Popoli, l’Associazione Nu.Vol.A., Polizia Locale, Carabinieri, Corpo Forestale provinciale.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 17:54

Tra Ghost town, villaggi indiani e la Monument valley, ma anche temperature altissime e tempeste di sabbia, il trentino ha raggiunto la terra di confine a nord-ovest del continente americano: "In Alaska ci sono solo tre stagioni: luglio, agosto e l'inverno. Qui nevica già"

20 agosto - 06:13

Le denunce di infortuni colpiscono soprattutto  i settori terziario e agricoltura. Per la Cgil e la Cisl  "Incremento legato alla crescita economica" mentre per la Uil "Caduta di attenzione sulla sicurezza nei posti di lavoro"

20 agosto - 17:17

L'uomo, un 43enne bulgaro, è stato colto da un malore. Si trovava sulla Marmolada a quota 3.200 poco dopo la ferrata di Punta Penia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato