Contenuto sponsorizzato
Manovra di bilancio: 46 milioni di euro per contrastare la denatalità. La Provincia pronta ad assumere 50 nuovi dipendenti

Presentato oggi il bilancio 2017 da Rossi. I provvedimenti principali riguardano l'aiuto alle famiglie, gli sgravi per le imprese e il sostegno alle opere pubbliche con un investimento di 900 milioni di euro. Buoni i dati sull'andamento della provincia, dal Pil-pro capite a quelli del mercato

Di Luca Pianesi - 02 novembre 2016 - 18:27

TRENTO. E' un Trentino in salute quello che emerge dai dati emersi durante la presentazione della manovra di bilancio 2017 presentato oggi in Provincia dal presidente Rossi. E' un Trentino che ha un Pil che cresce leggermente più rapidamente della media italiana (dell'1,1% nel 2017 contro lo 0,9% della media nazionale e in previsione dell'1,2% nel 2018 contro l'1,1% italiano), mantiene un Pil pro-capite tra i più alti in Italia e secondo, praticamente, solo al blocco tedesco (da noi è di 33.700 euro, in Germania di 34.500 e in Alto Adige di 39.700 mentre nel Nord Est italiano è di 31.100 euro, in Francia di 29.300 in Italia di 26.400 dati 2014 Fonte Eurostat 2016) e che resta competitivo su tutti i fronti.

 

 

La manovra di bilancio (che oggi arriva in maggioranza e poi deve ancora ottenere il via libera della Giunta dei Comuni, delle parti sociali e che dovrebbe concludere il suo iter intorno a Natale) ha nei punti cardine quello dell'attivazione e il miglioramento delle politiche per la famiglia per contrastare soprattutto il problema della denatalità, il sostegno alla crescita, il rilancio della competitività delle zone montane, l'efficientamento della macchina pubblica, il raggiungimento di una dimensione sempre più internazionale del territorio. Il tutto grazie a un bilancio 2017 di 5 miliardi e 11 milioni di euro dei quali "spendibili" 4,400 miliardi (nel 2016 era di 5,008 miliardi di euro composto da partite effettive di 4,692 miliardi di euro).

 

PIANO FISCALE

La nuova manovra prevede una rimodulazione delle agevolazioni Irap che vadano a favorire le aziende che mirano all'incremento dell'occupazione stabile o stagionale e che integrano i salari nazionali con contratti di produttività. In particolare è confermato l'azzeramento dell'aliquota per 5 anni per le nuove imprese che nascono ed è ridotta per i soggetti che fanno ricorso alle staffette generazionali. "E poi ci sono le misure statali già previste nella manovra di bilancio nazionale che sommate a quelle provinciali provocheranno un deciso alleggerimento fiscale a favore delle imprese", spiega Rossi. E nel dettaglio questo è il quadro: l'alleggerimento fiscale per le imprese nel 2016 era di 170,9 milioni di euro mentre nel 2017 e, si stima, nel 2018, sarà di 215 milioni di euro (grazie soprattutto all'alleggerimento Imis e Ires).

 

SOSTEGNO FAMIGLIE

Confermata nel 2018 e 2019 l'esenzione dall'addizionale Irpef dei soggetti con reddito inferiore a 20 mila euro (nel 2017 era già stata prevista dalla manovra del 2016) e introduzione nel triennio 2017/2018/2019 di una detrazione di imposta di 252 euro per figlio fiscalmente a carico per i soggetti con redditi da 20 mila a 55 mila euro (che rappresentano circa il 75% delle famiglie trentine). Tradotto, ciò vuol dire che anche il genitore con più di 20 mila euro di reddito potrà vedersi azzerato l'Irpef qualora abbia più figli a carico: per esempio nel caso di reddito di 40 mila euro e due figli a carico. "E' questo un provvedimento molto importante per le famiglie - commenta il presidente della Provincia- che garantisce una detassazione complessiva per le famiglia pari a 44 milioni di euro l'anno. Quasi il doppio rispetto al 2016 quando l'alleggerimento fiscale era stato di 24 milioni di euro". E già si pensa al futuro: è in analisi la possibilità, dal 2018 di trasformare questi sgravi in veri e propri contributi da inserire nell'ambito dell'assegno unico.

 

Per contrastare la denatalità è previsto anche un intervento finalizzato all'abbattimento delle tariffe sul servizio di asilo nido che consentirà una riduzione complessiva delle tariffe di circa il 40% per un valore totale di 3,2 milioni di euro. In tutto il Trentino, infatti, si applicheranno le stesse tariffe per i nido (costruite sul modello del Comune di Trento) e quindi per il tempo pieno (ma per il tempo parziale la tariffa sarà strutturata proporzionalmente) le famiglie con un Icef fino a 0,20 pagheranno una tariffa mensile di 40 euro, se l'Icef sarà compreso tra 0,20 e 0,40 la tariffa andrà da 40 euro a massimo 250 euro (la modulazione dipenderà dagli indicatori Icef) e in caso di Icef superiore a 0,40 la tariffa rimarrà la stessa di oggi. Un'intervento, questo, che dovrebbe andare a favorire circa i tre quarti della popolazione che beneficia di questi servizi.

 

 

 

PERSONALE DELLA PROVINCIA

Spending review e ringiovanimento. Sono questi i due binari che dovrebbero segnare il percorso del personale della Provincia negli anni a venire. "Nel 2015-2018 - spiega Rossi - è prevista una contrazione del personale della Provincia di circa il 6% dovuta principalmente dal piano di riduzione dell'organico. Un organico che ha un'età media superiore ai 50 anni e che anche per questo necessita di un fisiologico ringiovanimento. Ecco allora che nel 2017 sono previste 50 assunzioni di personale amministrativo, economico e tecnico. Saranno assunti con contratti di formazione lavoro e dovranno avere meno di 32 anni". Sono inoltre in corso valutazioni sull'incremento delle risorse per i rinnovi contrattuali al fine di anticipare il contratto del 2018 ma su questo specifico punto Rossi ha anticipato che dovrà lavorarci con i sindacati.

 

OPERE PUBBLICHE

Nel bilancio pluriennale vengono confermate le risorse per il finanziamento degli interventi strategici come il Polo sanitario trentino, l'ospedale di Cavalese, Loppio-Busa, la variante di Cles il progetto per la banda ultralarga ("soprattutto nelle aree montane per promuovere lo sviluppo dei territori e il rilancio del tessuto imprenditoriale montano", ha commentato Rossi), il Polo della Meccatronica, il polo fieristico congressuale di Riva del Garda, il depuratore Trento 3, il Liceo Maffei di Riva e l'Istituto d'arte Vittoria. Lo stock di risorse disponibili è pari a circa 900 milioni di euro ai quali si aggiungeranno quelli dei Comuni sbloccati pochi giorni fa nel quadro del via libera all'utilizzo del fondo pluriennale vincolato dal Governo, in attesa che anche l'avanzo amministrativo venga sbloccato.

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 17:48

Ecco il video delle aggressioni e il momento del fermo dei cinque giovani che hanno lanciato vernice e bottiglie vuote contro il gazebo del partito di estrema destra

21 ottobre - 21:41

Il presidente della Provincia esce bene dal dibattito su La7 incentrato sul referendum del Veneto e della Lombardia per chiedere maggiori competenze. E alla Lega dice: "Ok il referendum ma prima di tutto ci deve essere un accordo finanziario chiaro con lo Stato"

21 ottobre - 17:26

Il comico ieri all'Auditorium Santa Chiara ha fatto il suo show che ruota attorno al tema delle bufale e dalla "falsa" informazione. Due battute sull'Autonomia ("tenetevela stretta" e "vi tenete le tasse per spartirvele") e poi varie risate da Berlusconi - Tutankhamon alla speranza ("fideistica") che il Movimento 5 Stelle cambi l'Italia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato