Contenuto sponsorizzato
Daniele Mosna, un viaggio in America Centrale fra sciopero dei tassisti e dogane in mezzo al mare

Il fotografo freelance ha trascorso circa due mesi in America Centrale. Daniele Mosna: "Non ho detto niente e sono partito. In Guatemala sono stato scortato dal pullman fino all'ostello"

Alba a Bacalar - foto Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 22 gennaio 2017 - 17:03

TRENTO. "Non ho detto niente a nessuno e sono partito", dice Daniele Mosna, fotografo professionista, fresco di rientro da un viaggio di circa due mesi in America Centrale: Messico, Honduras, Belize e Guatemala le tappe principali del suo itinerario in solitaria nel cuore del nuovo mondo.

 

"Il Messico - continua - in particolare è sempre stato il sogno di una vita e ho voluto approfondire meglio la cultura Maya e lasciarmi conquistare da un tourbillon di colori".

 

Daniele Mosna, classe 1981, è figlio d'arte e si è appassionato alla fotografia fin da piccolo seguendo le orme paterne di Remo, quindi "ho continuato - dice - a studiare il mestiere a scuola e lungo il mio percorso da fotografo freelance ho trovato colleghi come Lucio Tonina, Romano Magrone e Giovanni Cavulli: figure preziose che mi hanno aiutato a migliorare e mi hanno insegnato alcuni trucchi per affinare la tecnica".

 

Dopo 13 anni ininterrotti sul campo fra eventi sportivi, agenzie nazionali, quotidiani locali e paesaggi di montagna, Mosna ha preso una pausa "per rivitalizzare la carriera - prosegue - cercare nuovi stimoli e imparare ulteriormente il mestiere. Le storie da raccontare sarebbero tante". 

 

Il Messico, la seconda economia dell'America Latina, si colloca fra i principali esportatori di petrolio, ma la prosperità resta un sogno e il gap socio-economico è forte. Le periferie e le aree rurali soffrono della presenza di baraccopoli e delle rotte della droga. Ha avvertito questa sensazione nel lungo periodo messicano? 

 

"Si tratta di un paese dai mille volti, ma in linea generale in America ho visto tanta povertà e tante case fatiscenti costruite in lamiera. Si possono vedere luoghi turistici molto opulenti e allo stesso tempo bambini sfruttati dai genitori per vendere ai turisti acqua, succhi, frutta e galline vive. Se si ha la fortuna di nascere nei pressi di qualche oratorio oppure parrocchia, la vita del bambino può migliorare, altrimenti è in qualche modo segnata alla sopravvivenza. 

(Chiapas San Cristobal - foto Daniele Mosna)

Ho conosciuto inoltre un paese molto religioso e credente. Quasi per caso sono capitato nel periodo del Festival della Madonna: una settimana di processioni senza sosta da mattina a sera, un'esperienza molto bella e allo stesso tempo toccante.

(Madonna di Guadalupana - foto Daniele Mosna)

Il Messico mi resterà nel cuore. Mi sono innamorato in particolare del Chiapas: una regione che ricorda molto il Trentino per le montagne, ma la marcia in più è dettata dall'incredibile contrasto di colori".

 

Nel frattempo il neo presidente a stelle e strisce si è insediato ufficialmente alla Casa Bianca, come hanno vissuto i messicani questo avvenimento?

 

"La vittoria di Donald Trump ha confuso il Messico e temono effettivamente un cambio di rotta della politica degli Stati Uniti: a Merida ho assistito anche allo sciopero dei tassisti per il costo della benzina aumentato a 1 dollaro al gallone.

(Merida in sciopero - foto Daniele Mosna)

Ho avvertito in questo paese una grande paura verso l'immigrazione e non si può far a meno di notare tanti corpi delle forze armate girare in strada per assicurare e garantire l'ordine. In generale in Messico ho sentito una grande diffidenza verso gli americani: sono visti come arroganti per il loro atteggiamento di superiorità e perché varcano il confine esclusivamente alla ricerca di droga e divertimento".

(Un carico bancomat a Cancun - foto Daniele Mosna)
Durante il viaggio si è spostato in quattro paesi, ma non sempre è filato tutto liscio. I controlli sono molto stretti e forse noi europei non siamo più abituati e il consiglio è non girare dopo il tramonto.

 

"Confermo, i controlli al confine sono strettissimi e puoi essere fermato alla dogana anche per oltre un'ora. A proposito delle ore notturne, ho vissuto questa sensazione di pericolo soprattutto in Guatemala e Belize. Nel primo paese sono stato scortato direttamente dal pullman all'ostello. Dopo 12 ore di viaggio stavo finalmente raggiungendo il Guatemala nelle ore notturne e il conducente del veicolo mi ha confermato che è davvero pericoloso aggirarsi nelle ore serali in paese e allora, una volta individuato l'ostello, il pullman mi ha accompagnato a passo d'uomo fino a quando non ho superato la soglia della struttura ricettiva, illuminando il tragitto.

Un'altra fotografia che ricordo con un misto fra divertimento e preoccupazione è il trasferimento in barca fra il Guatemala e il Belize. Il nostro capitano ha riempito alquante taniche di benzina e quindi siamo partiti alla volta del Belize. Dopo aver navigato qualche miglia, l'imbarcazione si è però fermata mezz'oretta in un porto perché il conducente doveva fare la spesa. I pit-stop non sono terminati: in mare aperto ci ha chiesto i passaporti prima di terminare la tratta e concludere il viaggio. Il Belize, un paradiso per le immersioni, è una ex colonia britannica e sulle banconote si trova ancora l'effige della regina".

(Viaggio per il Belize - foto Daniele Mosna)
Il capodanno in Honduras? Come è festeggiare ore dopo rispetto agli amici in Italia?

 

"In Honduras mi sono fermato molto poco e non sono riuscito a vedere molto. Ricordo però che ho ricevuto molti messaggi di auguri di buon anno: ho ringraziato ovviamente tutti, ma personalmente mi trovavo ancora fra l'orario dell'aperitivo e della pennichella dopo pranzo, una sensazione strana". 

 

Ritorniamo in Messico, dove ha conosciuto anche Alex e Lulu, una giovane coppia francese

 

"Alex e Lulu sono dei ragazzi che si trovano in Messico a metà fra vacanza e lavoro. Sono lì per girare un documentario sui gruppi musicali locali e sono membri di un'associazione culturale francese. Dopo aver scambiato alcune chiacchiere, hanno visto le mie immagini scattate durante il viaggio: mi hanno proposto di organizzare una mostra fotografica in Francia, invito che ho prontamente accettato. Siamo in contatto e il periodo individuato è quello di fine estate oppure inizio autunno. Ora mi concento per la Marcialonga".

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.25 del 18 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 17:56

L'associazione trentina si trova in Uganda per aiutare il paese a far fronte all'emergenza del paese, acuita dall'arrivo di oltre un milione di persone in fuga dal Sud Sudan. Bozzarelli: "Oltre alla perforazione dei pozzi, forniamo una formazione professionale e kit per contadini per dare una speranza di futuro"

19 novembre - 06:02

La gestione del locale sarà affidata all'associazione di promozione sociale Dulcamara. Cadrobbi: "Puntiamo sulle attività culturali e stiamo già programmando presentazioni di libri, conferenze e dibattiti"

19 novembre - 14:00

Per il centro nazionale terremoti la magnitudo sarebbe del 4.4. Segnalazioni in tutto il Nord Italia. Si tratta di uno sciame sismico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato