Ecco la mappa geolocalizzata dei #caffenoslot con i selfie di chi ci lavora e chi li frequenta

 Il giocato in Trentino si aggira su 1 miliardo e 18 milioni di euro l'anno ed ogni anno sono oltre un centinaio le famiglie trentine che si rivolgono al Ser.d 

Contenuto sponsorizzato
Di Redazione - 18 maggio 2017 - 16:38

TRENTO. Il giocato in Trentino si aggira su 1 miliardo e 18 milioni di euro l'anno ed ogni anno sono oltre un centinaio le famiglie trentine che si rivolgono al Ser.d (Servizio dipendenze della Provincia di Trento) e all'Ama (Auto mutuo aiuto onlus) per aiutare i loro giovani a uscire da ludopatie e dipendenze da gioco. E se in Italia quasi 17 milioni di persone hanno giocato d'azzardo almeno una volta nell'ultimo anno (dati Ispad) il 43% sono giovani e giovanissimi di età compresa tra i 15 e i 34 anni.

 

Di questi molti si avvicinano al gioco tramite le piattaforme online e i siti di scommesse ma tanti altri fanno le loro prime esperienze con le macchinette nei bar e nei locali adibiti al pubblico. Spopolano, infatti, anche in regione le slot e per questo, assieme a Libera e all'Ama stiamo cercando di creare la prima mappa geolocalizzata, aggiornata con tanto di selfie di esercenti e utenti, dei locali liberi dalle macchinette e dal gioco.

 

Un'idea semplice che vuole aiutare i locali NoSlot a promuoversi e i loro clienti a sponsorizzarli, lanciata dal progetto dell'Alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa nel contrasto e nella prevenzione del gioco d'azzardo patologico. E voi ci siete? Basta un semplice selfie, realizzato all'interno del bar con l'hastag #caffenoslot in bella vista. L'immagine deve poi essere spedita attraverso un messaggio personale nella pagina Facebook de “Il Dolomiti” oppure per mail a redazione@ildolomiti.it).

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:04

Una partita amichevole tra il Rovereto e la squadra costituita da profughi ospitati nella zona di Trento e Rovereto è in programma mercoledì 20 settembre al Quercia di Rovereto. La formazione è nata su iniziativa dell’associazione La Savana e raccoglie migranti provenienti da Mali, Senegal, Togo, Gambia, Costa D’Avorio e Nigeria

19 settembre - 13:12

La prima piattaforma italiana inizia a muovere i primi passi in Trentino: la proposta è di Walliance, realtà nata in Provincia per intuizione di Giacomo e Gianluca Bertoldi e l'ex dirigente di banca Marco Mongera: "Tutti i progetti vengono analizzati, quindi il potenziale investitore trova tutto in modo trasparente: dalle visure alle planimetrie, dal business plan a tutta la documentazione"

19 settembre - 19:00

L'incidente è avvenuto a un 33enne vicino a Sover. L'uomo stava lavorando a delle briglie di consolidamento lungo il Rio Brusago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato