Contenuto sponsorizzato
Il commento del sindaco Andreatta sulla prima unione civile in Trentino

"Un provvedimento di buon senso che fa uscire dall'ombra relazioni considerate fino ad oggi di serie B"

Il sindaco di Trento Alessandro Andreatta
Pubblicato il - 02 settembre 2016 - 11:10

Domani celebrerò un'unione civile, la prima nel Comune di Trento. Come è noto, l'ufficializzazione del legame affettivo tra due persone dello stesso sesso è possibile grazie alle recente legge, che ha colmato un annoso vuoto legislativo avvicinando l'Italia agli stati europei culturalmente più evoluti e attenti ai diritti della persona.

 

Si tratta di un provvedimento di buon senso e soprattutto di un provvedimento umano, che fa uscire dall'ombra relazioni affettive stabili fino ad oggi considerate di serie B. Se per un momento ci togliamo gli occhiali del preconcetto ideologico e ci concentriamo sul merito delle questioni, sulle storie concrete delle persone, non c'è alcun dubbio sulla validità di queste norme che, tra l'altro, danno la possibilità (e dunque il diritto, ma anche il dovere) alle coppie omosessuali di assistenza reciproca in caso di malattia e di incarcerazione o che consentono la reversibilità della pensione.

 

Qualcuno ha parlato di supermercato dei diritti: non mi pare un'espressione adatta a questa legge. Non c'è un diritto in vendita (o peggio in svendita) quando ad esso sono legati dei doveri o quando il diritto riconosce e cerca di porre rimedio a situazioni di sofferenza, di emarginazione, di difficoltà. I diritti a buon mercato sono quelli a cui non è legato alcun tipo di responsabilità: ma non è questo il caso.

 

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 giugno - 19:10

Isidoro Ruocco, gestore del locale smentisce alcune notizie uscite sulla stampa. Su piazza Dante spiegano che "Gli uffici nei palazzi pensano che la situazione possa migliorare con il 'volemose ben' ma ci sono persone che girano con il coltello in tasca”.  Mercoledì si è deciso di organizzare un “aperitivo solidale per presidiare la piazza”

26 giugno - 12:55

Tra gli appuntamenti più tradizionali della kermesse patronale, la disfida rievoca un episodio accaduto nel VI secolo, ripreso in modi e forme diverse fino al IX secolo e ritornato in auge nel 1984. Ecco la storia e alcune curiosità

26 giugno - 17:31

Sul posto si è subito diretto l'elisoccorso con a bordo i medici rianimatori che hanno subito preso in mano la situazione riuscendo a stabilizzare i segni vitali dell'infortunato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato