Contenuto sponsorizzato

Il timoniere Ruggero Tita sul tetto del mondo, la squadra composta dal trentino e Banti si conferma la più forte di tutte

Vela. La squadra azzurra non sbaglia un colpo da settembre. Quinto successo consecutivo per i due volte campioni europei in carica

Di Luca Andreazza - 12 agosto 2018 - 17:25

AARHUS (Danimarca). Non smette di vincere Ruggero Tita. La squadra azzurra composta dal finanziere trentino e Caterina Banti (Cc Aniene) conquistano la vetta del mondo nella classe Nacra 17 (Qui intervista per D-Sport, il magazine de Il Dolomiti).

 

A causa dell'assenza di vento per la pioggia insistente, non si è disputata la medal race e così i due volte campioni europei in carica possono festeggiare il titolo mondiale.   

 

Il plurititolato campione trentino aggiunge così un altro prestigiosissimo trofeo in bacheca. Il roveretano classe 1992 alla guida del catamarano non delude le attese e gli azzurri si confermano l'equipaggio più forte.

 

E' da settembre che non sbagliano un colpo e si sono aggiudicati tutte le prove della Sailing World cup in sequenza tra Marsiglia, Palma di Maiorca, HyeresGydnia per chiudere in quel caso davanti agli inglesi Gimson-Burnett e agli altri azzurri Vittorio Bissaro e Maelle Frascari.

 

Questo successo chiude un biennio da capogiro per Tita e Banti, condito da due ori europei e un bronzo mondiale

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 agosto 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 agosto - 18:43

L'Amministrazione, in risposta ad una nota della consigliera circoscrizionale Martina Loss, ha spiegato che si stanno portando a termine alcuni lavori di miglioria per rendere il canile più sicuro e accogliente   

15 agosto - 14:34

Come ogni anno si sono svolte le celebrazioni del ricordo di quel giorno del 1944 quando i nazisti ammazzarono 17 persone tra civili e partigiani. Alessandro Olivi: "Già allora la divisione era tra sovranismo e autonomia, tra pluralismo e omologazione"

15 agosto - 15:43

L'allarme era stato lanciato ieri sera dopo che l'uomo non aveva più fatto rientro al campeggio. Le ricerche hanno visto impegnati i vigili del fuoco di Riva del Garda, la Polizia e il Soccorso alpino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato