Contenuto sponsorizzato

Marco Bedani non ce l'ha fatta: è morto l'operaio rimasto schiacciato da un rullo di un macchinario durante il turno di notte

Il tragico infortunio sul lavoro è avvenuto alla Fucine Film Spa alle 23 di domenica. L'allarme dei colleghi. Il 53enne della val di Sole si è spento al Santa Chiara

Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 16:58

OSSANA. Purtroppo non ce l'ha fatta: ha perso la vita poche ore dopo i soccorsi l'operaio rimasto ferito sul lavoro la scorsa notte a Fucine d'Ossana (qui articolo). Si tratta di Marco Bedani, un 53enne della val di Sole.

 

Il tragico infortunio si è verificato attorno alle 23 di domenica in un impianto lavorativo, la Fucine Film Spa, ex Caleppiovinil, durante un turno di notte. Secondo una prima ricostruzione l'uomo sarebbe rimasto incastrato, schiacciato da un pesante rullo di un macchinario.

 

 

Immediato l'allarme dei colleghi di turno e l'intervento dei soccorsi: sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del posto, i carabinieri della compagnia di Cles e i sanitari con l'elicottero. Il 53enne è stato trasportato di corsa al Santa Chiara, dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

 

 

Ma a nulla purtroppo sono valsi gli sforzi dei sanitari: Marco Bedani ha perso la sua battaglia per la vita oggi in ospedale.

 

Al lavoro per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto sono gli esperti dell'Uopsal; in val di Sole oggi è il giorno del dolore.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato