Contenuto sponsorizzato

Abbandona l'immondizia in campagna per evitare le telecamere ma gli agenti trovano tra i rifiuti il suo nome

E' successo nella zona di spiazzo. Gli agenti, dopo aver ricevuto la segnalazione, hanno segnato degli indizi tra il materiale abbandonato

Pubblicato il - 28 gennaio 2020 - 12:36

SPIAZZO. E' servito un lavoro molto attento e certosino ma alla fine gli agenti della Polizia delle Giudicarie sono riusciti ad individuare la persona che nei giorni scorsi ha abbandonato dei rifiuti in una strada di campagna nella zona di Spiazzo.

 

Il furbetto, infatti, pensando di evitare le telecamere e quindi di non essere individuato, ha abbandonato uno scatolone con all'interno ogni genere di immondizia, da lattine finite, pezzi di plastica e tanto altro.

 

Gli agenti, ricevuta la segnalazione, non si sono solamente attivati affinché fosse rimossa l'immondizia ma hanno cercato all'interno anche qualche indizio che potesse ricollegare l'abbandono ad un nome. E così è stato. A seguito poi di ulteriori verifiche la Polizia delle Giudicarie ha identifica il trasgressore che ora sarà multato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 09:39

Attorno alle 9 una densa colonna di fumo si è alzata da una casa. Le fiamme hanno avvolto il tetto di un'abitazione a Verla di Giovo, in Val di Cembra. Sul luogo diversi corpi dei vigili del fuoco per domare l'incendio

20 ottobre - 09:09

A causa dell'auto incidentata, rimasta bloccata sulla carreggiata, lungo la strada statale 47 della Valsugana si sono formate lunghe code, i mezzi procedono a passo d’uomo. C’è anche un ferito trasportato in ambulanza all’ospedale

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato