Contenuto sponsorizzato

Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muro, 35enne estratto dal bagagliaio e trasportato al Santa Chiara

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, le forze dell'ordine e un'ambulanza. L'uomo ha riportato ferite in tutto il corpo ed è stato trasportato all'ospedale Santa Chiara 

Di GF - 08 dicembre 2020 - 08:23

COMANO TERME. E' un uomo di 35 anni la persona coinvolta nell'incidente che ieri sera è avvenuto a Comano Terme nella frazione di Poia.

 

E' successo pochi minuti prima delle 21. Le cause certe saranno le forze dell'ordine a stabilirle con i rilievi ma secondo una prima ricostruzione il 35enne sarebbe uscito autonomamente di strada finendo contro un muro e poi mezzo rovesciato.

 

Il manto stradale in questi giorni in molte parti del territorio è coperto da neve o ghiacciato e basta poco per perdere il controllo dell'auto. 

Lo schianto è stato molto violento, sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Lomaso, le forze dell'ordine e un'ambulanza.

 

L'uomo è rimasto incastrato all'interno del mezzo ed è stato estratto dal bagagliaio, senza pinze idrauliche, riportando diverse ferite su tutto il corpo.

 

Immediatamente è stato portato all'ospedale Santa Chiara.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato