Contenuto sponsorizzato

Ruba un borsello con cellulare ma viene ritrovato grazie alla geolocalizzazione mentre mangia al ristorante. Denunciato un 65enne

Un 65enne è stato denunciato per ricettazione dopo esser stato rintracciato in un noto ristorante di Villazzano. Ritrovato grazie alla geolocalizzazione, con il proprietario del bene rubato che guidava la ricerca della polizia, ha tentato inutilmente di giustificarsi

Pubblicato il - 15 settembre 2020 - 15:52

TRENTO. A “tradirlo” è stato il sistema di geolocalizzazione del cellulare che aveva sottratto. Un uomo è stato denunciato per il reato di ricettazione dopo che a seguito di una denuncia per furto, il proprietario dei beni rubati aveva contattato la polizia. Grazie ad un'app nel proprio telefono, questi è riuscito pertanto a “guidare” la ricerca degli agenti, giunti fino a un noto ristorante di Villazzano per notificare la denuncia al responsabile del furto.

 

Le operazioni di recupero della refurtiva prendevano piede nella serata di domenica 13 settembre, quando il personale della squadra volante di Trento interveniva in piazza Mostra a seguito della segnalazione da parte del proprietario di un'I-Phone rubato della presenza del telefono proprio in quella zona. Costui aveva infatti subito un furto proprio del cellulare, assieme al portafogli contenente 250 euro e ad altri effetti personali, mentre si trovava a Gabbiolo a giocare una partita di calcetto.

 

Individuata un'auto che si allontanava, gli agenti procedevano a quel punto nella ricerca, ricevendo dal proprietario le indicazioni su dove dirigersi secondo quanto segnalato dall'applicazione di geolocalizzazione. Giunti fino a un parcheggio di un ristorante sopra Villazzano, come detto, riconoscevano l'auto ed entravano nel locale per rintracciare il proprietario.

 

Interrogato, l'uomo, un 65enne trentino, ammetteva di avere il borsello, tentando di trovare delle giustificazioni che ne spiegassero il possesso. Dei soldi, invece, nessuna traccia. Denunciato per ricettazione, il soggetto, incensurato, si trovava a dover restituire il cellulare, poi riconsegnato al legittimo proprietario.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato