Contenuto sponsorizzato

Ubriaco insulta una persona disabile sull'autobus e viene bloccato dalle forze dell'ordine. "Adesso basta, è il terzo caso in meno di una settimana"

L'uomo, originario dell'Est Europa era scalzo e aveva i piedi feriti. Ieri era stato bloccato alla fermata degli autobus in stazione e venerdì aveva minacciato dei passanti in via Rosmini costringendo le forze dell'ordine a intervenire. Trentino Trasporti: "Adesso basta, l'abbiamo segnalato a Comune e Provincia"

Di L.P. - 25 maggio 2017 - 19:21

TRENTO. Questa volta ha cominciato a urlare ad importunare una persona disabile in carrozzina prima di essere fermato, per la terza volta in meno di una settimana, dalle forze dell'ordine. E' tornato in azione il ragazzo dell'Est Europa che in questi giorni ha prima dato in escandescenza in via Alfieri e in via Rosmini, venerdì scorso, poi ieri in stazione. Questa volta si trovava a bordo dell'autobus 8 diretto verso Trento Nord quando, ancora una volta ubriaco e in stato confusionale, in via Romagnosi ha cominciato a provocare un passeggero disabile.

 

Sono volate le parolacce e gli insulti e il ragazzo ha mostrato verso l'altro utente una forte aggressività. Era scalzo e con alcune ferite a piedi e caviglie. Una signora è quindi andata a chiedere aiuto all'autista. Questi ha allertato le forze dell'ordine che in brevissimo tempo si sono portate alla fermata dell'autobus all'altezza di via Vannetti. All'apertura delle porte gli agenti sono saliti sul mezzo e lo hanno fatto scendere.  

 

 

Come dicevamo si tratta del terzo caso in pochissimi giorni. Ieri il ragazzo aveva tentato di salire sempre sull'autobus 8, in Piazza Dante, ma l'autista, accortosi che era in evidente stato di ubriachezza glielo aveva impedito e l'uomo era stato fermato dai vigili urbani e poi portato al Santa Chiara per controlli e accertamenti. Venerdì scorso aveva cominciato a urlare e minacciare dei passanti in via Rosmini all'altezza della fermata dell'autobus in zona Santa Maria (dopo che qualche ora prima in via Alfieri si era provocato delle ferite al braccio scavando a terra con dei sanpietrini di porfido).

 

Evidentemente è una persona che ha bisogno d'aiuto e di assistenza prima che faccia del male a se stesso e a qualcun altro. "Intanto noi abbiamo provveduto a segnalarlo ai nostri enti di riferimento - ci spiega Andrea Saltori responsabile del servizio urbano di Trentino Trasporti - che sono Comune e Provincia. Il ragazzo ormai è conosciuto alle forze dell'ordine e la prossima volta provvederemo anche noi a prendere le sue generalità. La sua presenza sta diventando davvero problematica perché noi dobbiamo prima di tutto garantire il servizio". Ad altri spetta il compito di intervenire per aiutarlo

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 15:21
A causa del concerto di Vasco e di uno sciopero, negli ospedali di Trento e Rovereto, sono saltate alcune operazioni [...]
Cronaca
23 maggio - 13:40
Nelle scorse settimane la Provincia aveva provato a trovare una soluzione sulla complicata vicenda che riguarda la costruzione del Not. Ma l'Anac [...]
Cronaca
23 maggio - 11:01
Il primo intervento alla pista di motocross del Ciclamino per un 18enne caduto rovinosamente a terra che ha battuto violentemente il costato, poi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato