Contenuto sponsorizzato
23/09/2022 - 16:09

IL VIDEO. Riforme, infermieri, anziani: sfide per la Sanità del futuro

Gallio, 23 set. (askanews) - Sono diversi gli argomenti affrontati dalla Summer School di Motore Sanità nella tre giorni di incontri a Gallio, in provincia di Vicenza. Partendo dal tema del PNRR e della congiuntura economica attuale ci si è confrontati soprattuto su cosa serve per rinnovare e rilanciare la sanità in Italia, alla luce dei finanziamenti e dellanecessità di potenziare il Servizio Sanitario, a livello nazionale, ma anche regionale."Il PNRR e le riforme collegate - ha detto ad askanews Manuela Lanzarin, assessore alla Sanità e ai Servizi sociali della Regione Veneto - rappresentano il canovaccio su cui stiamo lavorando e la grande sfida che tutti abbiamo è quella della prossimità e della medicina del territorio. Molta tecnologia, informatizzazione, intelligenza artificiale e nuove frontiere. Però io chiedo che tutti questi interventi non possono prescindere da due aspetti fondamentali: uno è quello della garanzia economica per la sostenibilità del sistema e l'altro è il grande tema delle risorse umane, perché è chiaro che tuttoquello che possiamo fare in questa cornice è legato alle figure professionali".Tra queste, naturalmente, ci sono anche tutte le professioni infermieristiche. "Il Paese - ha aggiunto Barbara Mangiacavalli, presidente nazionale della Federazione nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche - affronta una carenza importante di infermieri ed è una carenza legata non solo al fatto che i posti in università sono limitati, ma anche a quello che questi posti non sono neppure saturati. C'è un problema allabase ed è che in Italia la professione infermieristica è molto poco attrattiva. Se non agiamo sulle questioni che sono alla radice, non siamo in grado di proporre, come professionisti infermieri, al sistema Paese un'assistenza di qualità e qui di verrebbe a mancare una gamba del PNRR, oltre che del Sistema Sanitario".Altro tema toccato dalla Summer School è quello degli anziani, in relazione all'invecchiamento della popolazione, ma anche alle implicazioni economiche di una assistenza sanitaria efficiente per una fetta di popolazione che potrebbe disporre di risorse finanziarie."Se non funziona il Servizio Sanitario Nazionale - ci ha spiegato Claudio Zanon, direttore scientifico di Motore Sanità - e c'è la preoccupazione per la salute gli anziani mettono da parte per queste spese il tesoretto che potrebbe invece spendere per viaggiare, per i ristoranti o per fare attività sportiva e sociale e questo blocca una parte fondamentale dell'economia. E tra 10 anni noi avremo il doppio di ultra 65enni nel nostro Paese, quindi ancora una volta vogliamo ribadire che investire in salute non è un costo, è un investimento vero".Nel corso della Summer School Motore Sanità ha anche firmato un accordo di collaborazione con Fiaso, la Federazione italiana delle Aziende sanitarie e ospedaliere, per mettere a fattor comune una serie di best practice.

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Edizione del 30 settembre 2022
Telegiornale
30 set 2022 - ore 22:49
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 ottobre - 19:47
L'assessore provinciale e leader de La Civica, Mattia Gottardi, sulle fibrillazioni: "Nessuna tensione, succede dopo ogni elezione". E su Mario [...]
Cronaca
02 ottobre - 20:08
Lettera di Anna Raffaelli (già consigliera comunale e componente della Commissione Sport del Comune di Trento) e Lally Salvetti [...]
Cronaca
02 ottobre - 18:59
E' successo al campo sportivo di Ala a un ragazzino di 13 anni. La piattaforma in plexiglas si sarebbe rotta e lui sarebbe caduto da un'altezza di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato