Contenuto sponsorizzato
13/06/2024 - 11:06

IL VIDEO. CBI presenta gli strumenti antifrode Name Check e Safe Trade

Roma, 13 giu. (askanews) - L'industria dei servizi finanziari negli ultimi anni ha assistito a profondi cambiamenti guidati dall'innovazione tecnologica e dalla digitalizzazione ma oggi si trova ad affrontare nuove minacce informatiche. Per discutere proprio di questo e presentare nuovi strumenti antifrode, CBI ha organizzato a Roma un incontro e una tavola rotonda dal titolo "Name Check e Safe Trade: strumenti antifrode".Liliana Fratini Passi, Direttore Generale CBI S.c.p.a. Società Benefit, ha spiegato: "Il quadro normativo ha tratteggiato un insieme di regole europee, dalla Instant Payment Regulation, dalla revisione della Payment Service Direttive 2, e ancora tutto il tema connesso alla Digital Operational Resilience Act, quindi una direttiva europea che entrerà in forza proprio il primo gennaio 2025, avente l'obiettivo di definire, e soprattutto supportare, gli intermediari finanziari nel presidio delle cosiddette terze parti. La sfida è quindi anche quella di coniugare da un lato innovazione digitale per la composizione e quindi la creazione di questi nuovi servizi. Dall'altro però è chiaro che il presidio di questi rischi, connessi a queste nuove, eccellenti operatività, diviene fondamentale".CBI, oggi Società Benefit, è un'azienda partecipata da circa 400 banche e altri intermediari che gestisce un'infrastruttura di financial data exchange e sviluppa, in ecosistema, servizi innovativi nel mondo dei pagamenti digitali, dell'open banking e dell'open finance. E dopo il grande interesse che sta riscuotendo il Check-IBAN, ora ha rilasciato nel mercato il "Name Check". "Che cosa consente? Di verificare, prima di effettuare il bonifico, la corrispondenza tra il nome e il codice Iban da accreditare, anche sfruttando i paradigmi di Intelligenza Artificiale e di Machine Learning" ha spiegato Fratini Passi.L'altro servizio che porterà benefici in termini di stabilità e di efficienza del settore finanziario è "CBI Safe Trade", che consente di raccogliere in un unico database le informazioni sulle fatture anticipate, in ottica multi-banca e multicanale, al fine di mitigare il rischio derivante dall'uso fraudolento delle stesse fatture per l'erogazione del credito da parte degli intermediari.

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
19 luglio - 18:39
Un comunicato stampa del Partito autonomista dà la misura di come la politica locale, anche quella di governo, non stia cercando di affrontare il [...]
Montagna
19 luglio - 18:38
L'intervento nel pomeriggio di oggi (19 luglio) lungo il sentiero attrezzato Benini, sulle Dolomiti di Brenta: le quattro escursioniste si sono [...]
Montagna
19 luglio - 16:31
Il comando provinciale dei carabinieri di Bolzano ha diffuso una nota nella quale si elencano una serie di consigli per vivere in sicurezza le [...]
Contenuto sponsorizzato