Contenuto sponsorizzato
10/03/2022 - 15:03

IL VIDEO. Lavrov sostiene che ospedale colpito era base nazionalisti

Antalya (Turchia), 10 mar. (askanews) - Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov a proposito del bombardamento russo sull'ospedale pediatrico di Mariupol, ha sostenuto che l'ospedale "era diventato una base del battaglione Azov (il gruppo paramilitare di estrema destra attivo nel Sud dell'Ucraina, n.d.r) e le donne e i bambini erano stati portati via".Secondo il municipio della città di Mariupol, l'attacco russo ha invece provocato vittime civili: "Tre persone sono morte, inclusa una bambina", ha detto il comune su Telegram. Inizialmente il comune aveva riferito un bilancio di 17 feriti."In merito al reparto maternità. Non è la prima volta che assistiamo a delle grida patetiche sulle cosiddette atrocità compiute dalle forze armate russe", ha affermato Lavrov."Nel corso della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la nostra delegazione ha presentato i fatti secondo cui questo reparto di maternità è stato occupato da tempo dal battaglione Azov e da altri estremisti. Le donne incinte, le infermiere e tutto il personale sono stati portati fuori. È la base del battaglione ultra-radicale Azov. Questi dati sono stati presentati tre giorni fa".

Contenuto sponsorizzato
Esteri
Archivio video
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Cronaca
23 maggio - 17:44
Secondo una prima ricostruzione l’uomo alla guida di un’Alfa che stava procedendo in direzione sud, verso Rovereto, non si è fermato a un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato