Contenuto sponsorizzato
09/08/2023 - 18:08

IL VIDEO. Mafia e intercettazioni, Meloni spiega la norma che "evita incertezze"

Roma, 9 ago. (askanews) - "La sentenza della Corte di Cassazione restringe il margine in cui si possono utilizzare questi strumenti più ampi per accertare reati di mafia e c'è il rischio che intercettazioni che provano che tizio ha commesso un omicidio aggravato dalla finalità mafiosa, non possano più essere utilizzate nel caso in cui al tizio di cui sopra non sia anche contestato il reato di associazione mafiosa": lo ha spiegato la premier Giorgia Meloni durante la diretta social "Gli appunti di Giorgia" riguardo alla norma approvata nell'ultimo Cdm."Ora voi capite che per tutti i processi che sono in corso il fatto che vengano cambiati gli strumenti con i quali si può fare l'attività di indagine, mette a rischio il risultato dei processi, perché le intercettazioni effettuate rischiano di non essere più utilizzabili nei processi", ha aggiunto."Noi non vogliamo consentire che questo accada e (in Cdm) abbiamo approvato una norma che evita ogni incertezza neiprocessi e che consente di impedire che processi aperti per reati che sono legati alla mafia finiscano nel nulla".

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 giugno - 13:42
L'uomo è  ritenuto dagli inquirenti essere la mente dell’organizzazione criminale con base logistica nell’hinterland di Trento, che [...]
Cronaca
20 giugno - 13:22
Il testo della versione di greco al Classico è tratto dall'opera "Minosse o della legge". Era da ben 14 anni (e prima ancora nel 2004), che non [...]
Cronaca
20 giugno - 12:40
L'episodio è avvenuto attorno alle 21 di mercoledì 20 giugno: le storiche famiglie erano in città per partecipare all'Antica Fiera dei Santi [...]
Contenuto sponsorizzato