Contenuto sponsorizzato

Con Moovin' Sounds la legalità è un progetto giovane

Giovedì al Palalevico doppio appuntamento organizzato da un'associazione di musicisti che è sempre stata attiva nell'impegno sociale. La mattina per le scuole e alla sera, alle 20.30, per tutti l'incontro con don Marcello Cozzi, vicepresidente  nazionale di Libera. Si parlerà di mafia e della cultura di partecipazione  e consapevolezza che la combatte e spesso la batte. Dopo le parole la musica di Anansi nel concerto gratuito

Di Carmine Ragozzino - 07 novembre 2017 - 11:05

LEVICO. Per sintetizzare la loro fatica hanno scelto una frase di Danilo Dolci: “Ciascuno cresce solo se sognato" . E’ il riassunto di un’idea. L’idea dell’impegno. L’idea del cambiamento. E, di più, l’idea della conoscenza vera. E del confronto. E del dialogo.

 

Una conoscenza, un confronto ed un dialogo del quale i giovani hanno urgente necessità quando incontrano – volenti o nolenti – le grandi ferite della società. La mafia, ma prima della mafia quel diritto alla legalità che è diritto al futuro, è uno di questi temi.

 

Ebbene, per far riflettere i giovani, (ma non solo i giovani) di mafia e di legalità si è mobilitata in Valsugana un’associazione che da anni si occupa con successo e gratificazione di musica e di aggregazione. Si tratta dell’associazione “Moovin’ Sounds, sodalizio con solide radici  territoriali che si è sempre speso per  dare spazio non solo alla musica ma a tutto quanto in termini di socialità e scambio ruota attorno ad un concerto, un happening, un festival.

 

Moovin’ Sounds e la mafia. Moovin’ Sounds e la legalità. Fuori tema? Fuori contesto? Macchè, il contrario.  I giovani sono tutto meno che sole cuffiette, “mi piace” , svisate di chitarre e rullanti in fiamme.

 

E per questo Moovin’ Sounds – un gruppo che ha sempre fatto la propria parte quando si trattava di collaborare ad eventi a sfondo sociale o solidale – ha considerato un fatto naturale il concorrere ad uno dei bandi del piani giovani di zona con un progetto di crescita inedito e coraggioso.

 

“Educare alla legalità, io con gli altri per uno scopo comune” si svolgerà giovedì 9 con una sequenza di appuntamenti al Palalevico. La mattina un incontro su mafia e legalità con gli  studenti delle scuole di zona, in particolare gli istituti professionali di Levico. Alla sera, nello stesso luogo, un dibattito che amplierà il confronto ad una platea più eterogenea: giovani, adulti, mezza età. 

 

A condurre i due incontri sarà don Marcello Cozzi, vicepresidente di Libera, l’organizzazione di volontariato e attivismo civile fondata da don Luigi Ciotti. La realtà che in tutta Italia, a partire dalle terre di mafia, ndrangheta ed altre schifezze ha costruito nel tempo una cultura di consapevolezza e partecipazione capace di dare speranza attraverso una miriade di piccole-grandi battaglie “dal basso.

Dopo il dibattito – informazione e formazione basata sulla semplicità e l’efficacia di una testimonianza militante qual è quella di Libera – il progetto si affiderà alla musica. Moovin’ Sounds è pur sempre un’associazione di musicisti e tra i musicisti trentini Anansi ha dimostrato in più occasioni di vivere la propria musica anche come uno strumento per veicolare messaggi importanti. Anansi dunque, in concerto, chiuderà la manifestazione – non c’è biglietto - con il suo reggae di divertimento ma anche di impegno.

 

L’ospite degli incontri – don Marcello Cozzi – ha conosciuto la speranza in luoghi impensabili. Così si legge in uno dei tanti articoli che riguardano la sua attività di globe trotter della lotta per la giustizia per conto di Libera. “Quando l’ha condivisa per iscritto con il libro Ho incontrato Caino. Pentiti. Storie e tormenti di vite confiscate alle mafie (Melampo), l’ha fatto perché era l’anno dedicato alla Misericordia.

 

Don Cozzi ha aperto una comunità di accoglienza per vittime della tratta e disabili, creato una Fondazione antiusura (oggi dentro Libera) e incontrato don Ciotti. «Lo conosco a un convegno, mi chiede di dargli una mano e dico di sì. Era il 1995, l’anno in cui nasce Libera e io divento vicepresidente».

 

Invitando don Cozzi i promotori degli appuntamenti pubblici di Levico non vogliono certo salire in cattedra. Il progetto sulla legalità di Moovin' Sounds  era ed è ispirato alla semplicità della comunicazione, puntando al "dialogo" piuttosto che alla "lezione". Presentato al tavolo delle politiche giovanili della Valsugana  nel 2016 e concretizzato oggi dopo una serie di peripezia che hanno costretto a modificare un programma che partiva dal rilancio dell'insegnamento di Peppino Impastato. Ma Giulia Arseni - anima della proposta - e quelli di Moovin' Sound - non si sono mai arresi di fronte alle difficoltà organizzative. Parlare di mafia e chiamare a parlarne ospiti "in prima linea" nella lotta per la legalità è un'impresa tutt'altro che semplice. Ma ora l'appuntamento c'è. Merita attenzione. Merita pubblico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato