Contenuto sponsorizzato

Due giorni di matrimonio e poi sparisce. Dopo 12 anni lei si ripresenta per chiedere soldi

La donna è accusata di circonvenzione di incapace. Il matrimonio sarebbe servito anche per regolarizzare il suo permesso di soggiorno 

Pubblicato il - 19 dicembre 2017 - 09:48

TRENTO. Un matrimonio civile durato circa 48 ore e poi utilizzato da parte di lei per chiedere dei soldi, 4 mila euro. E' successo a Trento dove una donna arrivata dalla Colombia, che all'epoca dei fatti aveva 25 anni, ha chiesto all'uomo che aveva conosciuto in un locale, di circa 50 anni, di sposarlo.

 

Il matrimonio si fece ma durò solo 48 ore perché al terzo giorno la donna era sparita. Solo dopo dodici anni, nel 2014, si era fatta risentire per chiedere al “marito” dei soldi. Oggi, però, deve rispondere di una pesante accusa: quella di circonvenzione di incapace. Secondo l'accusa, infatti, l'uomo era seguito da diverso tempo dai servizi medici e si trovava in uno stato di fragilità. Accanto a questo il matrimonio sarebbe servito alla donna per regolarizzare il proprio permesso di soggiorno in Italia.

 

A mettere assieme tutto quello che è successo sono stati i famigliari dell'uomo che sono riusciti a ricostruire la faccenda e a denunciare la donna. Ieri l'avvio del processo e il rinvio poi alla prossima primavera.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato