Contenuto sponsorizzato

Ferrovie, sciopero in Trentino di capitreno e macchinisti

Le organizzazioni sindacali del Trentino e dell'Alto Adige e i rappresentanti dei lavoratori in azienda confermano lo sciopero di 8 ore di capitreno e macchinisti di Trenitalia per mercoledì 6 dicembre. I sindacati: "Le aggressioni fisiche e verbali sui treni continuano in modo incessante"

Pubblicato il - 30 November 2017 - 20:33

TRENTO. Le organizzazioni sindacali del Trentino e dell'Alto Adige e i rappresentanti dei lavoratori in azienda confermano lo sciopero di 8 ore di capitreno e macchinisti di Trenitalia per mercoledì 6 dicembre.

 

"Le aggressioni fisiche e verbali sui treni continuano in modo incessante - spiegano i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Orsa e Fast - l'ultima è avvenuta pochi giorni fa ai danni di un altro capo treno, questa volta, di Bolzano. Dopo il primo sciopero del 7 settembre con un'adesione altissima, ci si aspettava che istituzioni e Trenitalia mettessero in campo provvedimenti immediati volti a salvaguardare il personale che opera sui treni e di conseguenza l'incolumità e la serenità dei viaggiatori".

 

La richiesta è quella di maggiori controlli a terra insieme a Polfer o altro personale debitamente formato, oltre alla presenza di più personale Trenitalia lungo le tratte più 'calde'.

 

L'astensione dal lavoro sarà dalle 9 alle 17 e riguarderà tutti i treni di Trenitalia circolanti in regione fino a Verona e Bassano. Sono esclusi dallo sciopero i treni Eurocity da e per Monaco, le frecce da e per Roma e i treni regionali di Sad e Trentino Trasporti.

 

La protesta era stata proclamata lo scorso 11 novembre per chiedere maggiore sicurezza per il personale. In seguito l'azienda aveva convocato sindacati e rappresentanti dei lavoratori in azienda il 27 novembre.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 marzo - 18:00

Le misure che entreranno in vigore sono del tutto simili a quelle che vennero adottate per i Comuni di Cembra Lisignago, Castello Tesino, Bedollo e Baselga di Pinè. L'ordinanza rimarrà in vigore fino al 19 marzo 

04 marzo - 18:57

Tre di questi nuovi casi sono stati riscontrati rispettivamente in tre nuovi comuni altoatesini. Attualmente è in corso il contact tracing per verificare se e come i nuovi casi siano correlati ad altri già noti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato