Contenuto sponsorizzato

"Ho dieci invitati a cena, porta il vino", in manette anche tre trentini e due altoatesini per spaccio

Alle prime luci dell'alba di oggi è scattata l'operazione che ha portato all'arresto di dieci persone. Altre ventidue denunciate. Spacciavano anche ketamina, anfetamina e Mdma. Traffico anche in Valle di Non e Sole

Di Luca Andreazza - 05 dicembre 2017 - 13:26

TRENTO. In manette dieci persone e altre ventidue denunciate a piede libero, in carcere tre trentini, due altoatesini, un veronese, tre tunisini e un albanese. Questo il risultato dell'operazione 'Priest2' portata a termine alle prime luci dell'alba di oggi da circa ottanta carabinieri tra le stazioni di Cles e Trento con l'ausilio di due unità cinofile della guardia di finanza e trentaquattro mezzi. 

In carcere i trentini Marco Pedergnana, Domenico Angeli e Federico Grassi, quindi gli altoatesini Thomas Valdner e Markus Zegler, il veronese Micheal Iodice e gli stranieri Ahdem Nablosi, Jeton Iseni, Ayoub Chaouch e Karim Attabi.

 

"Un duro colpo - commenta Luca Volpi, comandante del comando provinciale - al mercato della droga. Un giro di spaccio di oltre mille cessioni ramificato anche in Valle di Non e Sole. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati oltre 600 grammi di marijuana, circa 200 di hashish, un centinaio di grammi di eroina, una cinquantina di cocaina, ma anche ketamina, anfetamina e Mdma per un totale stimato di oltre 2 chili di sostanze stupefacenti".

L'inchiesta è iniziata a settembre scorso come costola dell'operazione 'Priest', quando erano stati rinviati a giudizio diversi minorenni tra spaccio e consumo di droghe. Le indagini avevano fatto emergere un flusso di droga canalizzato verso i Comuni delle valli del Noce. In questo caso gli arrestati sono tutti maggiorenni.

"I centri di approvvigionamento - dice Nunzio Stanco, capitano dei carabinieri di Cles - erano le città di Trento e Verona, ma anche le province lombarde di Brescia e Milano. Gli spacciatori stranieri attivi nel capoluogo costituivano il punto di riferimento anche per i due bolzanini, individuati inoltre quali assuntori e spacciatori di eroina e cocaina".

 

Il modus operandi degli spacciatori era articolato e si basava in particolari su due reti, una gestita da albanesi e l'altra da tunisini, i quali, qualora non ci fosse abbastanza disponibilità di droga nelle piazze di Trento, si approvvigionavano a Verona e in Lombardia. 

In circa un anno i carabinieri sono riusciti a ricostruire il traffico e individuare i protagonisti di questo giro di droga tra attività 'vecchia scuola', cioè pedinamenti e osservazioni, e l'utilizzo delle moderne tecnologie. "Le intercettazioni - aggiunge Volpi - ci hanno permesso di conferire un significato ai dialoghi intercorsi tra gli indagati e offerto una chiave di lettura al loro linguaggio spesso riferito al mondo culinario".

Si va così dai bicchieri alle bottiglie di vino, dalle caramelle alle gomme da masticare e fantasiose prenotazioni per pranzi e cene per oltre cento servizi messi in campo dalle forze dell'ordine. Uno spacciatore aveva inoltre ricavato un anfratto nel vano motore del proprio mezzo per occultare la droga.

"Gli spacciatori - aggiunge Stanco - erano molto attivi, tanto che nella perquisizione di questa mattina all'arrestato veronese sono stati sequestrati oltre 5 mila euro in contanti e 150 grammi di marijuana pronti per essere immessi sul mercato, mentre un altri indagati erano in possesso di alcuni grammi di hashish e qualche francobollo di Lsd".

L'attività illecita avveniva nelle pizze di Trento, mentre in Valle di Non e Sole soprattutto nei pressi delle abitazione degli spacciatori, ma anche vicino agli istituti scolastici, la posizione di alcuni indagati è aggravata, infatti, dalla cessione di droga in favore di minorenni.

 

"Pedinamenti e osservazioni - spiega Armando Serra, maresciallo della stazione di Cles - ci hanno permesso inoltre di 'recuperare' numerose dosi di droga e sorprendere in flagranza di reato ben venticinque persone, oltre a svariate segnalazioni all'autorità di governo".

 

Messa a segno questa operazione, l'attività però non sembra finita e al vaglio delle forze dell'ordine ci sarebbero anche alcune compagne degli indagati che avrebbero fornito un supporto fattivo.

 

"E' importante - conclude Giovanni Cuccurullo, tenente colonnello del comando provinciale - la collaborazione dei cittadini. Queste operazioni scattano, infatti, grazie anche alle segnalazioni della popolazione ai carabinieri, presenti in modo capillare in tutto il territorio trentino".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 18 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 06:01

Con l'appello si chiede la progressiva eliminazione dell'uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura e l'istituzione di un biodistretto sull'intero territorio della regione. Sono tre i candidati presidenti che fino ad oggi hanno firmato: Antonella Valer, Filippo Castaldini e Filippo Degasperi.

18 ottobre - 20:21

In moltissimi questo pomeriggio ad accogliere Silvio Berlusconi a Trento. Toni molti duri nei confronti del Governo che "sta facendo fare brutta figura all'Italia" e verso i 5 Stelle "Che non sanno fare nulla" 

18 ottobre - 19:43

Preoccupato per le politiche nazionali che potrebbero minare l'unità dell'Europa: "Una scelta suicida affidarsi a loro perché la vostra autonomia è nata dentro l'Europa unita". Giorgio Tonini: "Salvini non ha nemmeno permesso a Fugatti di mettere il suo nome nel simbolo. Che autonomia sarà se nemmeno il governatore sarà autonomo dal governo nazionale?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato