Contenuto sponsorizzato

In piedi a fissare il vuoto. Sono le ronde di Forza Nuova in zona San Giuseppe

Pettorine arancioni e berrettini calati in testa. Loro le chiamano "passeggiate per la sicurezza" altri si dicono più spaventati dalla loro presenza che da altro. E sui social ci si divide tra favorevoli e contrari con una domanda

Di L.P. - 19 dicembre 2017 - 20:28

TRENTO. Non si sa chi fa più paura, se le ronde o quelli che le ronde vorrebbero fermare. Sui social l'immagine di alcuni figuri girati di spalle che stanno in piedi fissi ad osservare il vuoto sta scatenando reazioni contrastanti. Qualcuno gli dice "bravi, andate avanti" oppure "venite anche a Rovereto che ne abbiamo bisogno"; altri invece li insultano, danno loro dei "ridicoli" gli scrivono "abbiate almeno il coraggio di farvi vedere in faccia così almeno se vi incontro vi evito".

 

Chi sono? Sono alcuni militanti di Forza Nuova che hanno deciso di organizzare delle "passeggiate" notturne in zona San Giuseppe a San PioX. Le #PasseggiatePerLaSicurezza, così le chiamano loro su Facebook, "si sono svolte in via Vittorio Veneto - scrivono - e nel Parco di Maso Gionocchio, teatro nei giorni scorsi di brutali aggressioni". Alcuni hanno la pettorina arancione, altri invece sono in giacca e berrettino e marciano in gruppo alla ricerca di chissà chi o chissà cosa.

 


 

Qualcuno scrive loro su Facebook "ma se incontrate i malintenzionati che vi caricano che fate?". La risposta non c'è. Non può esserci. Intanto quel che possono fare è fissare il vuoto e farsi fotografare di spalle. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato