Contenuto sponsorizzato

La Provincia punta a potenziare in ogni valle il servizio di trasporto pubblico. Dal 5 novembre autobus festivo per la Valle dei Mocheni

Per l'assessore Mauro Gilmozzi è "il nuovo corso del trasporto pubblico extraurbano"

Pubblicato il - 03 novembre 2017 - 19:45

TRENTO. L'obiettivo è quello di migliorare i collegamenti tra i centri e la periferia offrendo la possibilità ai cittadini di usufruire dei servizi di trasporto pubblico anche durante la domenica.

Ecco allora che dal 5 di novembre prenderà il via il collegamento tra le due sponde della Valle dei Mocheni, in connessione con Pergine e Trento. La Provincia ha deciso di istituire, potenziando i servizi extraurbani periferici nelle giornate domenicali, tre nuove corse ad anello che collegheranno Pergine, e quindi anche Trento, con la Val dei Mocheni e viceversa e che si svolgeranno nei giorni festivi

 

"Parte dalla Val dei Mocheni – ha spiegato l'assessore provinciale Mauro Gilmozzi - il nuovo corso del trasporto pubblico extraurbano: una vera e propria rivoluzione per migliorare i collegamenti tra centro e periferia".

 

Questo rappresenterebbe solo un primo passo perchè la Giunta provinciale vuole raggiungere l'obiettivo di avere in ogni valle un servizio di trasporto pubblico con orari cadenzati, ogni ora, con le prime attivazioni nel 2018. L'Assessorato alle infrastrutture e ambiente ha deciso di introdurre da subito alcune modifiche al servizio volte a migliorare l'offerta del trasporto pubblico.

 

"Il trasporto pubblico - ha detto ancora l'assessore Gilmozzi - rappresenta e rappresenterà sempre di più un fattore di qualità e attrattività dei territori, elementi che valgono non solo per i turisti, ma anche per i nostri cittadini, che presidiano territori periferici ma che senza adeguata copertura dei servizi si trovano in difficoltà. Offrire corse domenicali in tutte le valli è un obiettivo di brevissimo termine, e l'attivazione da domenica 5 novembre della linea circolare della Val dei Mocheni, rappresenta un primo passo, importante anche simbolicamente ". 

 

Il nuovo servizio di trasporto si pensa infatti possa essere interessante anche per gli amanti delle escursioni che potranno recarsi in Valle dei Mocheni per il trekking. 

Le corse partiranno alle ore 8.50, 13.10 e 17.40 da Pergine e attraverseranno entrambe le sponde della Valle per poi ritornare a Pergine; tutte le corse, sia in partenza che in arrivo, saranno in coincidenza con un servizio (treno o bus) per Trento.  Seguiranno questo percorso: Pergine – Canezza -Fierozzo – Palù del Fersina – S.Orsola – Viarago – Pergine. Saranno svolte da un vettore privato, su subaffidamento di Trentino trasporti esercizio. 



"Sono convinto - ha concluso l'assessore Gilmozzi - che, anche attraverso il contributo dell'Azienda di promozione turistica locale, il nuovo servizio potrà diventare un veicolo promozionale per tutta la valle, oltre che un elemento di arricchimento del tessuto sociale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 05:01

Il rischio è che tante persone che in questi mesi hanno trovato un riparo durante la notte grazie ai posti messi a disposizione dal Comune all'Ostello della Gioventù finiscano nuovamente a dormire in strada. Questa sera sarà l'ultima notte anche per gli spazi aperti nella Chiesa di Centochiavi ma potranno essere riattivati

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato