Contenuto sponsorizzato

Macelleria sotto sequestro a Ravina: ''carne scaduta''

I problemi riguarderebbero alcune confezioni di carne scadute e non smaltite nei tempi indicati dai regolamenti

Pubblicato il - 07 dicembre 2017 - 09:04

RAVINA. I carabinieri del Nas, il nucleo antisofisticazioni, hanno sequestrato un intero reparto di macelleria dell'Eurospin di Ravina. L'accusa che viene mossa alla proprietà sarebbe quella di tentativo di frode in commercio.

 

Per capire la situazione bisogna andare al 24 ottobre quando i Nas sono arrivati nel punto vendita per delle verifiche che hanno portato al ritrovamento, non nella parte in vendita ma nel freezer in magazzino, della carne scaduta che era destinata allo smaltimento. La data di scadenza era il 2015 e secondo i regolamenti, lo smaltimento dovrebbe avvenire dopo pochi giorni dalla scadenza. In questo caso ai titolari è stata data una sanzione.

 

Successivamente, dopo alcune settimane, i Nas sono ritornati nel punto vendita a controllare nuovamente la situazione e oltre a trovare ancora della carne scaduta (sempre in magazzino e non in vendita ma comunque non smaltita in tempi brevi) hanno anche rilevato il fatto che alcune confezioni di carne avevano problemi all'etichetta che non era quella originale. Da qui la richiesta di un sequestro preventivo del reparto di macelleria.

 

Da parte della proprietà viene spiegato che la carne scaduta non era in nessun modo destinata alla vendita bensì allo smaltimento e di essere sempre stati molto attenti alla qualità offerta alla clientela.    

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 13:50

L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno nell'area della val di Ledro. In azione le unità del soccorso alpino e l'elicottero con l'equipe medica. Per il base jumper però non c'è stato nulla da fare

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

20 ottobre - 19:09

Un'automatismo che porterebbe all'aumento delle indennità dei consiglieri in base all'aggiornamento Istat. Un meccanismo che scatterebbe dal prossimo gennaio, sempre che piazza Dante non intervenga attraverso una legge per fermare tutto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato