Contenuto sponsorizzato

Malattie, Fenalt: ''Chi paga le visite fiscali dell'Inps? Serve accordo sindacato-Provincia''

La Fenalt ribadisce la richiesta di chiarimento, già avanzata al governatore Ugo Rossi, in materia malattie. Maurizio Valentinotti: "Alcuni lavoratori hanno ricevuto a casa la visita fiscale da Inps e in orari diversi da quelli attualmente previsti dalle norme valide per noi. Mi chiedo chi ha dato l'ordine?"

Di Luca Andreazza - 20 novembre 2017 - 21:16

TRENTO. La Fenalt ribadisce la richiesta di chiarimento, già avanzata al governatore Ugo Rossi, in materia malattie e risponde all'articolo de Il Dolomiti del 9 novembre scorso (Qui articolo). "A livello nazionale - dice Maurizio Valentinotti, segretario generale del sindacato - Inps è titolare delle visite fiscali ai lavoratori in malattia con regole diverse rispetto alle nostre".

 

Una situazione a detta della Fenalt complicata dal fatto che si aggiungono le molteplici segnalazioni dai parte degli iscritti di visite effettuate direttamente dai medici di Inps secondo i regolamenti e le fasce vigenti a livello nazionale, mentre "in Trentino - aggiunge il segretario - il consiglio provinciale ha inserito un articoletto nell'assestamento di bilancio: i lavoratori della pubblica amministrazione sarà sempre l'Apss a fare le visite e che le modalità verranno stabilite con regolamento della Giunta già fissato in contratto. Questa situazione è frutto dell'accordino tra parti sociali (Fenalt esclusa, ndr), Apsp e Comuni".

 

Cosa c'è che non va? "Alcuni lavoratori - prosegue Valentinotti - hanno ricevuto a casa la visita fiscale da Inps e in orari diversi da quelli attualmente previsti dalle norme valide per noi. Mi chiedo chi ha dato l'ordine? Chi paga gli interventi? Come mai se ritengono che ci siano nuove disposizioni non è stata data notizia ai lavoratori? Per spiegare il paradosso: è come se un pescatore sul Noce venisse controllato da una guardia forestale dello Stato in base al regolamento di pesca sul Ticino".

 

E per questo la Fenalt ritiene che il regolamento delle visite fiscali, fino all'altro giorno fatto con contratto, rimanga oggetto di trattativa tra sindacato e Provincia: "Abbiamo chiesto al governatore Rossi un incontro - dice il segretario - per definire le regole insieme. Non è nostra intenzione difendere i furbetti, ma non vorremmo che nell'ambito di tali regole non si costringessero agli arresti domiciliari coloro che sono ammalati senza ombra di dubbio e che per guarire non devono necessariamente stare in casa: se necessario c'è sempre la facoltà di chiamare gli interessati a visite fiscali di controllo, atti ad appurare non la presenza in casa, ma la sussistenza della malattia, come la frattura, i punti chirurgici, la 'grave patologia' e via dicendo".

 

"Necessario proseguire su questa strada - conclude Valentinotti - non nell'interesse della Fenalt, ma dei principi che porta avanti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato