Contenuto sponsorizzato

Non risarcisce la 13enne violentata, gli pignorano lo stipendio

I fatti risalgono al 2013. L'autista del bus era stato condannato a 4 anni e 30 mila euro di risarcimento

Pubblicato il - 21 dicembre 2017 - 09:20

TRENTO. Gli hanno pignorato un quinto dello stipendio in quanto di sua spontanea volontà non ha versato nulla alla ragazzina di 13 anni che avrebbe violentato

 

I fatti risalgono al 2013 in Valsugana, l'uomo vicino di casa e amico del padre della ragazzina, si era reso disponibile, come tante altre volte, a controllare la tredicenne mentre il genitore era al lavoro

 

Quella volta però qualcosa è cambiato e l'uomo, padre di famiglia a sua volta, avrebbe chiamato la vittima in casa per farsi aiutare a smontare una finestra, ma una volta in camera da letto, il vicino di casa avrebbe chiuso la porta della stanza per consumare la violenza.

 

La ragazzina, ritornata alla propria abitazione, non aveva trovato il coraggio di parlare, se non dopo alcuni mesi. Terminate le indagini, l'uomo era stato condannato a 4 anni di reclusione e 30 mila euro di risarcimento danni. 

 

Condanna confermata mercoledì 20 dicembre anche alla Corte d'Appello. L'uomo, che è stato anche colpito da anche dalla misura di non frequentare luoghi dove si trovano bambini e una denuncia per minacce, però non ha mai versato niente e ora gli è stato pignorato un quinto del suo stipendio di autista dell'autobus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato