Contenuto sponsorizzato

Non risarcisce la 13enne violentata, gli pignorano lo stipendio

I fatti risalgono al 2013. L'autista del bus era stato condannato a 4 anni e 30 mila euro di risarcimento

Pubblicato il - 21 December 2017 - 09:20

TRENTO. Gli hanno pignorato un quinto dello stipendio in quanto di sua spontanea volontà non ha versato nulla alla ragazzina di 13 anni che avrebbe violentato

 

I fatti risalgono al 2013 in Valsugana, l'uomo vicino di casa e amico del padre della ragazzina, si era reso disponibile, come tante altre volte, a controllare la tredicenne mentre il genitore era al lavoro

 

Quella volta però qualcosa è cambiato e l'uomo, padre di famiglia a sua volta, avrebbe chiamato la vittima in casa per farsi aiutare a smontare una finestra, ma una volta in camera da letto, il vicino di casa avrebbe chiuso la porta della stanza per consumare la violenza.

 

La ragazzina, ritornata alla propria abitazione, non aveva trovato il coraggio di parlare, se non dopo alcuni mesi. Terminate le indagini, l'uomo era stato condannato a 4 anni di reclusione e 30 mila euro di risarcimento danni. 

 

Condanna confermata mercoledì 20 dicembre anche alla Corte d'Appello. L'uomo, che è stato anche colpito da anche dalla misura di non frequentare luoghi dove si trovano bambini e una denuncia per minacce, però non ha mai versato niente e ora gli è stato pignorato un quinto del suo stipendio di autista dell'autobus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 March - 16:36

Sono stati analizzati 4.194 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 26 nuovi ricoveri e 16 dimissioni, 170 le guarigioni da Covid. Registrati 32 casi tra over 70 e 73 contagi tra bambini e ragazzi in età scolare

06 March - 13:27

Il progetto è stato elaborato dalle Apsp Ubalda Campagnola di Avio, Residenza Valle dei Laghi di Cavedine, Cesare Benedetti di Mori, Opera Romani di Nomi e Margherita Grazioli di Povo. Per gli ospiti non vaccinati/indenni non è prevista, però, alcuna modifica dell’attuale procedura e quindi, non sono consentiti incontri senza barriera fisica

06 March - 15:23

Gli agenti hanno perquisito il nascondiglio ricavato nell’area giochi di piazza Dante. All’interno sono state rinvenute alcune dosi di hashish ed una di eroina, prontamente sequestrate anche quest’ultime

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato