Contenuto sponsorizzato

Soccorsi 13 migranti nascosti su un treno merci diretto al Brennero

Uno di loro è stato ricoverato in ospedale  per un principio si assideramento

Pubblicato il - 19 dicembre 2017 - 19:58

TRENTO. Erano nascosti tra la merce trasportata nei container e cercavano in questo modo di arrivare al Brennero. Sono tredici i migranti ritrovati domenica sera a bordo di un treno merci alla stazione ferroviaria di Domegliara (Verona), sulla linea diretta al Brennero. Sono tutti maschi e originari dal Gambia, Mali, Sierra Leone e Nuova Guinea, di cui due minorenni di 15 e 16 anni.

 

A ritrovare i giovani migranti sono stati gli agenti che sono intervenuti su segnalazione del responsabile del movimento del terminal intermodale al Quadrante Europa. Nei giorni scorsi erano stati ritrovati altri 15 profughi semiassiderati, nascosti in un container. Uno degli stranieri è stato ricoverato all'ospedale di Bussolengo per un principio di assideramento, mentre i due minorenni sono stati collocati in un'idonea struttura di accoglienza in Provincia di Mantova.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato