Contenuto sponsorizzato

Stava rapinando un giovane, arrestato in Piazza Centa dopo l'allarme dei vigili del fuoco

I carabinieri sono intervenuti immediatamente dopo che dei pompieri hanno dato l'allarme. Ricostruito l'accaduto è emerso che il trentenne stava rubando cellulare e portafoglio a un altro ragazzo

Pubblicato il - 18 dicembre 2017 - 17:00

TRENTO. Stava aggredendo un giovane in Piazza Centa per rapinarlo, domenica mattina, ma i carabinieri sono intervenuti prontamente mettendo fine all'aggressione e interrompendo l'azione delittuosa. Il tutto è successo domenica mattina. I carabinieri hanno arrestato un ragazzo di 30 anni ritenuto responsabile di aver rapinato un altro giovane della sua età in Piazza Centa, a Trento. 

 

A dare l'allarme, dei vigili del fuoco che, testimoni dell'aggressione, hanno chiamato i carabinieri. I militari dell'arma sono giunti sul posto interrompendo prontamente l’azione delittuosa in corso e ricostruendo, una volta riportato l'ordine, quanto era accaduto. Ed è subito emersa la volontà del giovane di impossessarsi con la violenza del cellulare e del portafogli della vittima, dopo averla bloccata a terra con la forza.

 

Interrotta l’azione delittuosa e restituita la refurtiva al ragazzo, il giovane reo è stato tratto in arresto e posto a disposizione dell'autorità giudiziaria di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato