Contenuto sponsorizzato

A Trento apre ''Tipico''. Piatti di carne e birra dal tank, tra i servizi anche un food market

Nel locale saranno a disposizione 70 posti suddivisi in due formule. La birra puro malto sarà come la si trova nelle cantine del birrificio

Di Giuseppe Fin - 22 January 2018 - 15:49

TRENTO. Piatti di carne proveniente da tutto il mondo e sapori tradizionali serviti al ristorante oppure in un food market da gustare al momento oppure a casa. Questa la nuova formula che sbarca a Trento con “Tipico, il nuovo locale che aprirà i battenti questa sera alle ore 18 e che si trova in via Calepina 28.

 

Una ventata di aria nuova per la città non solo per la scelta delle materie prime ma anche per l'offerta del servizio che avrà a disposizione il cliente potrà fare. A lanciare la sfida di “Tipico” è Alessandro Dietre già titolare del ristorante Loto di via Gocciadoro e del bar Plan di largo Carducci.“Per noi è una sfida importante – spiega Dietre – ed è anche quella di offrire piatti sempre di qualità e fuori dai soliti schemi senza rimanere incastrati nelle solite proposte”.

A Trento apre ''Tipico''

Il locale ha a disposizione circa 70 posti ed è diviso in due formule. Nella prima parte è presente il “Food market” dove i clienti avranno la possibilità di acquistare del cibo fatto al momento e portarselo a casa oppure gustarselo nel locale. Un cibo semplice dove ci sarà una fortissima componente di materia prima trentina. Le persone potranno assaporare dalla carne alla polenta fatta in veri e propri paioli di rame e molti altri piatti semplici e veloci decidendo se da asporto oppure se gustarseli nel locale. In questo caso saranno a disposizione dei vassoi per servirsi oppure si potrà ordinare dal tavolo. In nessun caso sarà comunque pagato il servizio.

 

La seconda parte del locale, invece, è riservata per la ristorazione “tradizionale” dove ai clienti sarà presentato un menù di carne proveniente da tutto il mondo e scelta da allevamenti controllati e non intensivi. La specialità saranno le costolette ma non mancheranno anche i filetti di manzo dell'Irlanda oppure carne francese o proveniente dagli Stati Uniti. “Partiamo da un menù base – ha spiegato il titolare – e con un po' di tempo aggiungeremo altri gustosi piatti anche per chi non mangia carne”.

Ogni scelta è stata fatta nei minimi dettagli. A partire dall'arredamento "industrial chic" studiato ad hoc per creare un ambiente accogliente e dinamico fino ad arrivare alle sedie comodo e alle luci interne scelte per non creare fastidio agli occhi. Ogni piatto è frutto di prove e studi per offrire sapori autentici.

 

Pezzo forte del nuovo locale sarà la birra. A “Tipico” sarà possibile bere birra puro malto presa direttamente dal Tank. Un progetto realizzato in collaborazione con Forst in base al quale la birra viene conservata in sacchi ermetici che si trovano all'interno di serbatoi pressurizzati e si potrà bere come la si trova nelle cantine del birrificio. Senza aggiunta quindi di gas o altro.

“Tipico” come già detto, aprirà i battenti questa sera. Al momento l'orario di apertura sarà dalle ore 18 a mezzanotte ma in un secondo momento saranno serviti anche i pranzi. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 20:57

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Complessivamente 512 positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta a 8,7%

04 December - 19:39

Spostamenti fra Regioni, supermercati, sport invernali dopo il Dpcm Fugatti firma una nuova ordinanza: “Gli operatori addetti agli impianti, in alternativa alla mascherina chirurgica, potranno utilizzare anche mascherine di stoffa a protezione delle vie respiratorie”. Agli over 70 si raccomanda di evitare i contatti con persone di età inferiore ai 30 anni

04 December - 19:11

L'assessore alla Cultura Mirko Bisesti si è incontrato in videoconferenza con il presidente del Muse Stefano Zecchi e il Cda per annunciare la volontà della Provincia di assumere parte del personale esternalizzato. Soddisfazione da parte di Alberto Pacher e del direttore Michele Lanzinger: "Scelta quanto mai opportuna. Sui lavoratori delle cooperative auspichiamo contratti migliori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato