Contenuto sponsorizzato

Botte e calci in pieno centro, maxi rissa a Ponte Arche

Protagonisti tre residenti del posto che si sono picchiati in pieno giorno sotto gli occhi allibiti di bambini, famiglie e passanti

Pubblicato il - 27 April 2018 - 15:47

COMANO TERME. Grande spavento ieri intorno alle 18 quando tre persone hanno cominciato a picchiarsi selvaggiamente nel centro di Ponte Arche. Pugni e calci davanti a bambini, famiglie, passanti allibiti per quanto stava accadendo. I tre sono tutti conosciuti alle forze dell'ordine e stavano litigando per questioni private. 

 


 

La rissa è scoppiata nei pressi della stazione degli autobus. I tre si sono inseguiti, scalciati, invadendo nella colluttazione anche la sede stradale dove le vetture in transito necessariamente hanno dovuto rallentare e fermarsi per non travolgerli. Numerose sono state le segnalazioni di residenti, commercianti e passanti giunte alla centrale unica 112 e solo l'intervento di una pattuglia della polizia locale delle Giudicarie ha permesso di evitare che la situazione degenerasse nei pressi della locale farmacia dove sono stati intercettati i 3.

 

Le indagini, anche grazie all’acquisizione delle immagini del sistema di videosorveglianza comunale e delle testimonianze di persone presenti sul posto, hanno consentito di identificare chiaramente gli autori della rissa. Si tratta di tre uomini I.T. di 48 anni, F.T. di 26 anni e M.O. 42 anni tutti residenti in zona e noti alle forze dell’ordine. I tre verranno deferiti dalla Polizia Locale alla Procura della Repubblica di Trento per il reato di rissa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 18:34

Dallo studentato di San Bartolameo l’appello di Sara che si fa portavoce di un gruppo di studenti: “Nessuno parla della responsabilità della struttura. Avevamo denunciato la festa, ma nessuno del personale era intervenuto”. Fontana: "Non escludiamo alcuna colpevolezza. Oggi però pensiamo ai tamponi. Anche i negativi rimarranno in quarantena finché non sarà scongiurato il pericolo"

07 March - 18:33

L'allerta è scattata a San Giovanni di Fassa. Il macchinario ha travolto e schiacciato una 72enne. In azione la macchina dei soccorsi

 

07 March - 16:05

Nella vicenda interviene anche Slow food Trentino Alto Adige, struttura autonoma con personalità giuridica propria, associata a Slow food international, rappresentata da Sergio Valentini. Questa realtà si è costituita ad adiuvandum. Il Comitato è assistito dagli avvocati Vanni Ceola e Federico Fedrizzi, mentre Slow food è rappresentata dagli avvocati Elina Scotti e Raffaele Bifulco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato