Contenuto sponsorizzato

Bruciano la porta per entrare negli ambulatori, sul posto vigili del fuoco e forze dell'ordine

E' successo questa mattina negli ambulatori di via Fratelli Perini

Pubblicato il - 24 febbraio 2018 - 15:58

TRENTO. Qualcuno avrebbe tentato nella notte di entrare  nello stabile che si trova alla fine di via Fratelli Perini, all'incrocio con via Giusti, che ospita gli ambulatori medici circoscrizionali e alcuni appartamenti. Si tratta dell'edificio che qualche anno fa ospitava la circoscrizione San Giuseppe Santa Chiara.

La porta a vetri ma con delle parti in plastica, sarebbe stata bruciata proprio all'altezza dell serratura e alla base.

 

Allertati dai cittadini a causa dell'odore di bruciato, i vigili del fuoco sono intervenuti per mettere in sicurezza l'area. Sul posto anche le forze dell'ordine per i rilievi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato