Contenuto sponsorizzato

Distribuiscono buoni spesa da 7 euro, maxi rissa a suon di badili e bastoni

L'episodio è avvenuto a Terlano. Almeno due i denunciati: le persone hanno cercato di contendersi i buoni distribuiti dal decano

Pubblicato il - 05 aprile 2018 - 15:36

BOLZANO. Un parapiglia generale a base di badili e bastoni. Una maxi rissa in pieno giorno a Terlano. E' successo martedì 3 aprile in via Chiesa per i buoni spesa da 7 euro che il decano e due volontarie distribuiscono ai migranti due volte a settimana nei pressi della Parrocchia.

 

Una situazione che è improvvisamente degenerata e i potenziali utilizzatori hanno iniziato a contendersi in qualunque modo e letteralmente all'arma bianca il prezioso buono spesa.

 

Nel mezzo della rissa è finita anche una donna con un bimbo piccolo, ma fortunatamente senza gravi conseguenze e anche tra le persone non si registrano feriti.

 

Alle avvisaglie del parapiglia è scattato immediatamente l'allarme e sul posto si sono portati i carabinieri di Terlano e la polizia locale. Almeno due i denunciati.

 

Un episodio, questo, che ha riacceso le polemiche a Terlano: questa scelta del decano di distribuire i buoni spesa ai migranti è stata criticata, proprio per ragioni di sicurezza, anche dal Consiglio parrocchiale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 13:11

L'Austria vuole tenere aperti gli impianti, mentre in Svizzera si scia già. L'epidemiologo Lopalco a Piazza Pulita si è confrontato con Corona e ha spiegato: "Un centinaio di persone ammassate vicino ad un impianto di risalita rappresentano la condizione perfetta per la trasmissione del virus. Vale più la salute o l’economia?"

26 novembre - 13:12

La sperimentazione è iniziata domenica 22 novembre, giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero, a Cicognara in provincia di Mantova che rientra nella diocesi di Cremona. Niente monetine nella cesta delle offerte, ma un pagamento tracciato attraverso bancomat e carte di credito: "E' garantito l'anonimato e si può dedurre la spesa". VIDEO ALL'INTERNO

27 novembre - 11:20

Ad essere coinvolte nel progetto promosso dalla Libera Università di Bolzano, è stata una classe della scuola primaria Nicolodi di Trento, una dell’istituto Bachlechner di Brunico e un gruppo di bambini giapponesi coetanei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato