Contenuto sponsorizzato

Distribuiscono buoni spesa da 7 euro, maxi rissa a suon di badili e bastoni

L'episodio è avvenuto a Terlano. Almeno due i denunciati: le persone hanno cercato di contendersi i buoni distribuiti dal decano

Pubblicato il - 05 aprile 2018 - 15:36

BOLZANO. Un parapiglia generale a base di badili e bastoni. Una maxi rissa in pieno giorno a Terlano. E' successo martedì 3 aprile in via Chiesa per i buoni spesa da 7 euro che il decano e due volontarie distribuiscono ai migranti due volte a settimana nei pressi della Parrocchia.

 

Una situazione che è improvvisamente degenerata e i potenziali utilizzatori hanno iniziato a contendersi in qualunque modo e letteralmente all'arma bianca il prezioso buono spesa.

 

Nel mezzo della rissa è finita anche una donna con un bimbo piccolo, ma fortunatamente senza gravi conseguenze e anche tra le persone non si registrano feriti.

 

Alle avvisaglie del parapiglia è scattato immediatamente l'allarme e sul posto si sono portati i carabinieri di Terlano e la polizia locale. Almeno due i denunciati.

 

Un episodio, questo, che ha riacceso le polemiche a Terlano: questa scelta del decano di distribuire i buoni spesa ai migranti è stata criticata, proprio per ragioni di sicurezza, anche dal Consiglio parrocchiale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato