Contenuto sponsorizzato

Distribuiscono buoni spesa da 7 euro, maxi rissa a suon di badili e bastoni

L'episodio è avvenuto a Terlano. Almeno due i denunciati: le persone hanno cercato di contendersi i buoni distribuiti dal decano

Pubblicato il - 05 aprile 2018 - 15:36

BOLZANO. Un parapiglia generale a base di badili e bastoni. Una maxi rissa in pieno giorno a Terlano. E' successo martedì 3 aprile in via Chiesa per i buoni spesa da 7 euro che il decano e due volontarie distribuiscono ai migranti due volte a settimana nei pressi della Parrocchia.

 

Una situazione che è improvvisamente degenerata e i potenziali utilizzatori hanno iniziato a contendersi in qualunque modo e letteralmente all'arma bianca il prezioso buono spesa.

 

Nel mezzo della rissa è finita anche una donna con un bimbo piccolo, ma fortunatamente senza gravi conseguenze e anche tra le persone non si registrano feriti.

 

Alle avvisaglie del parapiglia è scattato immediatamente l'allarme e sul posto si sono portati i carabinieri di Terlano e la polizia locale. Almeno due i denunciati.

 

Un episodio, questo, che ha riacceso le polemiche a Terlano: questa scelta del decano di distribuire i buoni spesa ai migranti è stata criticata, proprio per ragioni di sicurezza, anche dal Consiglio parrocchiale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 luglio - 06:01

Non è l'unica iniziativa della Sat che si affida anche alla citizen science per coinvolgere amanti della montagna, simpatizzanti e satini. La richiesta è quella di inviare immagini e segnalazioni di arrossamento nivale. Il presidente del comitato glaciologico della Sat: "Tutti insieme si può contribuire allo studio della salvaguardia dei ghiacciai: la loro tutela è vitale per la montagna"

02 luglio - 11:41

In Senato la maggioranza del Governo Conte è appesa a un filo, così l’Svp passa all’incasso e in cambio della fiducia chiede lo sblocco delle concessioni sul’A22, deroghe sugli orari di apertura dei negozi ma soprattutto maggiore libertà d’azione nella gestione di lupi e orsi

01 luglio - 18:49

Secondo il report di Inail, a maggio, in Trentino, 1114 infortuni sul totale di 3334 si sono registrati nelle Rsa e nelle strutture ospedaliere. Crescono i dati rispetto allo scorso anno, con la provincia di Trento che continua ad avere un tasso elevato rispetto al resto d'Italia. Faggioni (Inail): "Dati non rassicuranti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato