Contenuto sponsorizzato

Finisce con l'auto nel canale e percorre svariati metri nell'acqua

E' successo nel quartiere Le Albere all'altezza della serra tropicale del Muse. Tanti i curiosi e immediato l'allarme, sul posto si sono portati i vigili del fuoco permanenti di Trento e i carabinieri

Pubblicato il - 10 maggio 2018 - 11:08

TRENTO. Rocambolesco incidente al quartiere Le Albere intorno alle 10.30, un'auto è precipitato dentro il canale all'altezza della serra tropicale del Muse

 

Il conducente stava guidando lungo via della Costituzione, quando nel svoltare verso destra non si è avveduto del canale e quindi è precipitato dentro il corso d'acqua.

Dopo aver percorso qualche metro per provare a uscire, l'uomo ha quindi "parcheggiato" e si è fermato all'interno del canale in attesa dei soccorsi.

 

Tanti i curiosi e immediato l'allarme, sul posto si sono portati i vigili del fuoco permanenti di Trento e i carabinieri.

 

Sul luogo dell'incidente si sta portando l'autogru per rimettere la vettura in carreggiata e liberare così il canale.

 

Fortunatamente il dislivello del "salto" non è molto e quindi il conducente è uscito illeso e il mezzo non dovrebbe aver subito danni.

 

Un fatto non nuovo, è successo infatti altre volte che automobili e furgoni siano finiti nel canale oppure rimasti in bilico sul corso d'acqua.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato