Contenuto sponsorizzato

Il Consiglio chiedeva all'unanimità di posizionare una targa a ricordo dei profughi della Grande guerra: ''Ma nulla è stato fatto''

La proposta è stata fatta due anni fa. I consiglieri Alberto Pattini e Giovanni Scalfi interrogano il sindaco: "Se si tratta di ignavia o pigrizia le valutazioni non possono che evidenziare l'assoluta inadeguatezza di chi ne porta la responsabilità"

Foto tratta dal convegno "Profughi/Rifugiati. Spostamenti di popolazioni nell’Europa della Prima guerra mondiale” che si è svolto a Rovereto nel 2015
Pubblicato il - 27 aprile 2018 - 17:54

TRENTO. Ne avevano discusso a lungo in Consiglio comunale. L'ordine del giorno era stato firmato in modo trasversale da tanti consiglieri, di maggioranza e di opposizione. Era il dicembre del 2015 e la richiesta alla Giunta era quella di installare una lapide che ricordasse i profughi di guerra della città di Trento.

 

A distanza di due anni, però, nulla è stato fatto. "Chiedevamo di valutare la possibilità di posizionarla a fianco di quella che ricorda i caduti nelle fila dell'esercito austro-ungarico - spiegano i consiglieri Giovanni Scalfi e Alberto Pattini - l'ordine del giorno fu discusso e approvato all'unanimità nell'aprile del 2016". 

 

"Se è vero che il dispositivo impegnava la Giunta a 'valutare' - osservano - è altresì evidente che i contenuti e le dimensioni del dibattito, il numero e la trasversalità  dei sottoscrittori ed il voto unanime consegnavano all’assessore competente un mandato di fatto vincolante".

 

Ad oltre due anni di distanza nulla è stato affisso, "tanto meno scolpito e nemmeno elaborato - dicono Scalfi e Pattini - nonostante il centenario della Grande guerra sia in pieno svolgimento e l’imminente adunata degli alpini ci ricordi il dovere di ricordare le pagine più tragiche della nostra storia".

 

Per questo hanno deciso di interrogare la Giunta e il sindaco per chiedere "quali siano le ragioni che hanno portato alla decisione di non apporre la targa in oggetto, consapevoli che qualora si trattasse di semplice ignavia o pigrizia le valutazioni non potrebbero che essere tese ad evidenziare l'assoluta inadeguatezza di chi ne porta la responsabilità".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato