Contenuto sponsorizzato

Resta schiacciato dal trattore, muore Bruno Bonora

E' successo in località Piscolo a Ceole. Tra le ipotesi una manovra errata oppure un malore. Vani i tentativi di rianimare l'86enne

Pubblicato il - 02 ottobre 2018 - 17:09

ARCO. E' Bruno Bonora, l'86enne vittima del tragico incidente. L'uomo è rimasto schiacciato dal trattore intorno alle 14.30 in località Piscolo ad Arco.

 

Le cause dell'incidente è ancora al vaglio delle autorità, l'86enne di Ceole potrebbe aver valutato male la traiettoria della curva oppure potrebbe aver accusato un malore.

 

La dinamica vede comunque perdere il controllo del mezzo agricolo in curva all'altezza dell'abitato di Ceola per sbattere contro un muretto e rovesciarsi in campagna

 

Un incidente che non ha lasciato scampo a Bonora, che è rimasto schiacciato dal trattore e ha perso conoscenza.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, Croce bianca e elicottero, oltre ai vigili del fuoco di Arco e ai carabinieri per effettuare i rilievi, ricostruire la dinamica e gestire il traffico.

 

Le forze dell'ordine hanno subito messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri sono intervenuti per liberare Bonora dalle lamiere.

 

Una volta estratto dall'abitacolo, il personale sanitario ha cercato di rianimare l'86enne, ma i tentativi e le manovre sono risultate vane. L'incidente si è rivelato fatale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato