Contenuto sponsorizzato

Muore schiacciato dal trattore, tragedia ad Arco

E' successo in località Piscolo all'altezza di Ceola. Sul posto ambulanza, Croce bianca, elicottero, vigili del fuoco di Arco e carabinieri QUI AGGIORNAMENTO

Pubblicato il - 02 ottobre 2018 - 15:36

ARCO. Tragico incidente intorno alle 14.30 ad Arco, un uomo ha perso la vita a seguito del ribaltamento di un trattore. 

 

E' successo nella zona agricola di località Piscolo all'altezza dell'abitato di Ceole, quando il conducente di un mezzo agricolo ha perso il controllo del trattore.

 

A quel punto il trattore ha perso aderenza e si è rovesciato, l'uomo nulla ha potuto per rimanere incastrato tra le lamiere del mezzo agricolo e perdere conoscenza.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, Croce bianca e elicottero, quindi i vigili del fuoco di Arco e i carabinieri per effettuare i rilievi, ricostruire la dinamica e gestire il traffico.

 

Le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri hanno liberato il conducente dal trattore. 

 

Il personale sanitario ha subito avviato le manovre di rianimazione, ma i tentativi sono risultati vani, fatali le ferite riportate nell'incidente.

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

25 maggio - 12:08

Il fatto è accaduto in Val di Ledro, dopo che tre motociclisti venivano fermati per un controllo lungo la gardesana occidentale, al confine tra Lombardia e Trentino. Uno di loro, infatti, decideva di darsi alla fuga perché sprovvisto di patente da almeno vent'anni. L'uomo, un 53enne, è stato bloccato mentre cercava per un'altra strada di tornare verso casa e sanzionato per violazione delle norme di contenimento del virus, fuga e guida senza patente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato