Contenuto sponsorizzato

Slittano alcuni lavori per sistemare le ferrate nelle Dolomiti

Le vie ferrate "Livio Brentari" nel Comune di San Lorenzo Dorsino e quella del Porton nel Comune di Primiero restano accessibili fino al 26 agosto. Da lunedì 27 via libera ai lavori di manutenzione

Pubblicato il - 18 agosto 2018 - 12:55

TRENTO. Slittano i lavori previsti nell'area delle Dolomiti di Brenta e in quelle del Primiero.

 

L'ufficio tecnico della Sat comunica che la ristrutturazione alla via ferrata "Livio Brentari" prende il via lunedì 27 agosto e quindi il tracciato nel Comune di San Lorenzo Dorsino rimane accessibile per tutta la settimana dal 19 al 26 agosto.

 

Stesso discorso per la via ferrata del Porton. Anche in questo caso il percorso nel Comune di Primiero è accessibile per tutta la settimana, quindi i lavori iniziano lunedì 27 agosto.

 

Oltre alle amministrazioni comunali interessate, la Sat ha già provveduto a informare tutte quelle realtà che operano sui territori, come le società impiantistiche, le Aziende per il turismo, le guide alpine, i parchi naturali, i rifugi e le diverse sezioni satine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato