Contenuto sponsorizzato

Tamponamento a catena e la statale tra Mezzolombardo e San Michele va in tilt

L'incidente si è verificato all'altezza della rotonda dell'Orvea intorno alle 18.15. Quattro veicoli coinvolti

Foto Fb Sei di Mezzolombardo
Pubblicato il - 17 dicembre 2018 - 18:52

MEZZOLOMBARDO. Un tamponamento a catena e il traffico va in tilt. A Mezzolombardo, in queste ore, si stanno vivendo diversi disagi alla viabilità. La Ss43 che collega San Michele e Mezzolombardo, infatti, è bloccata perché quattro veicoli hanno finito per tamponarsi all'altezza delle rotonda dell'Orvea.

 

Probabilmente non sono state rispettate le distanze di sicurezza e i veicoli al rallentare del primo non hanno fatto in tempo ad evitare quello che lo precedeva.

 

Lo scontro a catena è quindi stato inevitabile anche se fortunatamente non è stato violento. Tre persone sono comunque rimaste lievemente ferite per essere soccorse dai sanitari. Sul posto sono arrivate tre ambulanze e i vigili del fuoco e le forze dell'ordine per la viabilità. La coda si è allungata su tutto l'asse est-ovest creando grossi disagi in tutta la Piana. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato