Contenuto sponsorizzato

Una cordata di cinque persone investita da una scarica di sassi, intervengono Soccorso alpino e elicottero

E' successo sul Piz del Sagron nel Primiero, la montagna simbolo del gruppo di Cimonega, che si innalza sopra l'abitato di Sagron Mis. Due in particolare gli escursionisti colpiti dai sassi e trasportati all'ospedale Santa Chiara

Pubblicato il - 05 agosto 2018 - 17:49

SAGRON MIS. Grave incidente poco dopo le 15, quando un gruppo di escursionisti è stato centrato da una scarica di sassi.

 

E' successo sul Piz del Sagron nel Primiero, la montagna simbolo del gruppo di Cimonega, che si innalza sopra l'abitato di Sagron Mis e rientra, insieme alle Pale di San Martino, nel sistema delle Dolomiti inserito nel Patrimonio Unesco.

 

Questa via, ritornata in auge per l'impegno di alcuni appassionati e della locale Sat dopo un periodo non brillantissimo, risale agli anni ’40, quando sul versante est del Piz di Sagron la celebre guida Bruno Detassis apre una direttissima: un itinerario classico, impegnativo più per la lunghezza e la capacità di orientarsi, che i passaggi difficili.

 

Le cinque persone stavano risalendo la parete rocciosa, ma il gruppo è stato investito dalla caduta di alcuni sassi. A farne le spese in particolare due escursionisti, i quali sono rimasti bloccati lungo la via.

 

Immediato l'allarme e sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso alpino e l'elicottero.

 

I soccorsi hanno recuperato i feriti con il verricello per trasportarli all'ospedale Santa Chiara di Trento per gli accertamenti e le cure del caso.

 

Tanta paura e qualche momento di apprensione, ma fortunatamente le condizioni sanitarie degli escursionisti non sono gravi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. I responsabili: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato