Contenuto sponsorizzato

Una donna perde il bambino al quinto mese, dopo aver centrato un capriolo e aver sbattuto contro la siepe di una casa

E' successo a Belluno intorno alle 5.15 lungo la strada statale 50 che porta a Ponte nelle Alpi. Prognosi di venti giorni per la donna alla guida dell'auto. Una notizia di Bellunopress.it (Qui articolo)

Pubblicato il - 04 aprile 2018 - 19:50

BELLUNO. Gravissimo incidente questa mattina a Belluno, una donna si è trovata un capriolo in mezzo alla strada e dopo averlo centrato è andata a sbattere contro la siepe di una casa: a causa dei traumi riportati ha perso il bambino.

 

Secondo quanto riportato da Bellunopress.it (Qui articolo), l'incidente è successo intorno alle 5.15 lungo la strada statale 50 che collega Belluno a Ponte nelle Alpi, la donna al volante della Peugeot è finita fuori strada all'altezza della località Andreane per cercare, senza riuscirci, di evitare l'animale comparso all'improvviso in mezzo alla carreggiata. 

La corsa della donna di Ponte delle Alpi si è conclusa contro la siepe di una casa. Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Belluno e i carabinieri.

 

Dopo le cure sul posto, la donna è stata trasportata all’Ospedale 'San Martino' di Belluno: a causa dei politraumi la gravidanza si è interrotta al quinto mese, mentre la prognosi è di venti giorni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato