Contenuto sponsorizzato

Il camion resta bloccato tra le case e sembra impossibile spostarlo

Il mezzo pesante si è bloccato con una discesa strettissima alle spalle e una curva altrettanto stretta davanti. I vigili del fuoco sono sul posto ma le operazioni per liberare la strada si annunciano molto complicate

Pubblicato il - 12 giugno 2019 - 20:44

FAEDO. In paese viene vista come un'impresa praticamente impossibile e quindi quel camion rischia di rimanere bloccato in quella posizione per molto, molto tempo. Si è incastrato, infatti, in una strettoia con alle spalle una discesa strettissima e davanti una curva altrettanto stretta e da lì non riesce più a spostarsi.

 

Da diverso tempo i vigili del fuoco di Faedo si sono portati sul posto, che si trova alla fine del paese risalendo la strada provinciale 58 che poi si dirige verso Faedo Pineta. In via Sant'Agata infatti un grosso tir si è incastrato in uno dei punti più stretti di quella strada chiusa su entrambi i lati da abitazioni. E non è un caso che proprio la base di quelle case sia stata rifatta più volte, dopo i graffi e i danneggiamenti causati da veicoli in transito che rimanevano bloccati o che passavano ''a pelo''. La base della casa a destra, infatti, è stata rifatta in pietra recentemente ma evidentemente il risultato rischia di non cambiare.

 

Il camion polacco si è incastrato circa verso le 19 e le operazioni per liberarlo e liberare la strada si annunciano molto difficoltose. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato