Contenuto sponsorizzato

Malcesine, malore in funivia salvato con il defibrillatore

Poco dopo la partenza della corsa speciale per le mountain bike un ciclista straniero si è sentito male accasciandosi a terra. Soccorso dal personale con il defibrillatore è poi stato trasferito d’urgenza all’ospedale di Peschiera

Pubblicato il - 08 luglio 2019 - 17:05

MALCESINE. Erano da poco passate le 9 di questa mattina quando un turista straniero che si trovava sulla funivia che collega Malcesine con il Monte Baldo ha accusato un malore.

 

L’uomo era salito con la corsa dedicata alle mountain bike con l’intento di ridiscendere poi la montagna in sella alla sua bici. Poco dopo la partenza però il biker ha accusato i primi sintomi accasciandosi a terra.

 

Per sua fortuna il personale della funivia, con l’aiuto di altri due biker, è intervenuto in suo soccorso anche con l’uso del defibrillatore in dotazione per simili emergenze.

 

Il ciclista è stato fatto scendere alla stazione intermedia di San Michele a 580 metri di quota, da Trento si è levato in volo l’elicottero e sul posto è arrivata anche un'ambulanza da Malcesine.

 

L’uomo si trova attualmente ricoverato all’ospedale di Peschiera del Garda.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 ottobre - 06:01

La piaga riguarda soprattutto persone dai 45 ai 54 anni ma negli ultimi anni sono aumentati notevolmente i giovani. Il Trentino Alto Adige è una delle regioni più colpite in Italia. Da qualche settimana è arrivata sul nostro territorio una sede dell'Osservatorio violenza e suicidio che è già presente in quasi tutti le regioni italiane. A breve a Trento il congresso dal titolo “Blue Whale e la prevenzione dei rischi suicidari” 

13 ottobre - 19:39

Nei punti del governo giallo-rosso c'è anche l'eliminazione del contante a favore dei pagamenti con moneta elettronica. L'Italia è infatti fanalino di coda in questo campo, nonostante il più alto numero di terminali Pos d'Europa. L'economista Cerea: "Non si capisce che pagare in contanti è più rischioso ed oneroso". E c'è chi si oppone perché gli anziani non sarebbero in grado di adattarsi all'innovazione

13 ottobre - 14:36

L'ingegnera Arianna Minoretti, originaria di Como, ingegnera della Norwegian Public Roads Administration in un incontro pubblico ha confermato la fattibilità del progetto. Servirebbe per collegare la ciclabile Riva con Limone e permetterebbe di risolvere diversi punti critici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato