Contenuto sponsorizzato

Un cavallo si spaventa, scappa e finisce nel torrente. Recuperato in grave stato di ipotermia

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 tra Levico e Barco in Valsugana. Il cavallo era uscito in passeggiata con la conduttrice, che scesa di sella, stava accompagnando l'animale per le briglie. E' stato recuperato dai vigili del fuoco di Levico e dal nucleo Saf dei permanenti di Trento in grave stato di ipotermia, affidato alle cure veterinarie

Pubblicato il - 31 ottobre 2019 - 16:04

LEVICO. I vigili del fuoco e il nucleo Saf-speleo alpino fluviale dei permanenti di Trento sono entrati in azione per salvare un cavallo scivolato in un torrente. 

 

L'animale è stato recuperato in grave stato di ipotermia, quindi è stato portato in stalla per le cure di una veterinaria.

 

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 tra Levico e Barco in Valsugana. Il cavallo era uscito in passeggiata con la conduttrice, che scesa di sella, stava accompagnando l'animale per le briglie.

 

Improvvisamente il cavallo si è spaventato e così si è lanciato in una corsa per circa 200 metri.

 

A quel punto l'animale è scivolato per finire nel torrente che costeggia la strada.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Levico e il nucleo Saf.

 

I pompieri hanno messo in sicurezza l'area, quindi hanno avviato le manovre per salvare l'animale.

 

Un'operazione di recupero comunque delicata. Il cavallo, una volta riportato a riva in grave stato di ipotermina, è stato trasportato in stalla e affidato alle cure di una veterinaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 aprile - 12:15

Duro attacco del Codacons: “Diversi parlamentari stanno presentando vergognosi emendamenti per cancellare con un colpo di spugna le responsabilità civili e penali di istituzioni e strutture sanitarie in caso di omessa assistenza ai pazienti”

08 aprile - 20:37

Stime e proiezioni nazionali e internazionali si basano su dati diversi (e sottodimensionati fino a fine marzo) da quelli reali tenuti dalla Provincia. E così per Einaudi Institute for Economics and Finance la pandemia sarebbe dovuta finire a Trento due giorni fa mentre per la Facoltà di Medicina dell’Università di Washington i decessi dovrebbero terminare tra sei giorni. La certezza è che nessuno potrà bluffare sui numeri perché i rischi sono troppo alti

09 aprile - 10:59

La ricerca dimostra come attraverso i social media (con la complicità di alcune testate giornalistiche) vengano veicolate notizie che alimentano una visione dei predatori quali animali violenti, capace di orientare il pubblico amplificando le paure e talvolta creandone di ingiustificate. Gli esperti del Muse: “Così si ostacolando gli sforzi fatti fino ad ora per la conservazione di queste specie”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato