Contenuto sponsorizzato

A 17 anni riempie di botte la madre: voleva i soldi per la droga. Intervengono i carabinieri

Il giovane, per almeno sei mesi, aveva terrorizzato la famiglia esigendo somme di denaro per l’acquisto della droga e, all’eventuale opposizione dalla madre, rispondeva con minacce di morte, aggressioni fisiche, pugni e il lancio di oggetti

Pubblicato il - 25 luglio 2020 - 10:43

TRENTO. Intervento dei carabinieri per “salvare” un giovane tossicodipendente. All’inizio del mese di luglio una madre disperata ha informato i Servizi Sociali del Comune di Trento, in quanto il figlio 17enne, sotto sostanze stupefacenti, aveva messo sotto sopra la casa dimostrandosi ingestibile e violento. 

 

Ma la situazione era così grave che sono dovuti intervenire i carabinieri. La casa si presentava devastata, con oggetti sparsi nell’abitazione e la madre in lacrime insieme al secondo figlio, di 15anni. Le forze dell'ordine hanno convinto la signora in lacrime a raccontare quanto avvenuto: ci sono voluti giorni per raccogliere e circostanziare il profondo stato di disagio vissuto dalla donna e dal figlio minorenne dall’inizio dell’anno. Causa di tutto ciò, i comportamenti violenti e imprevedibili del figlio di 17anni.

 

Il giovane, per almeno sei mesi, aveva terrorizzato la famiglia esigendo somme di denaro sempre più consistenti per l’acquisto della droga e, all’eventuale opposizione dalla madre, rispondeva con minacce di morte, aggressioni fisiche, pugni, lancio di oggetti.

Numerose sono state le reazioni violente tenute dal minore, fino alla circostanza di luglio quando, a seguito del rifiuto della donna, il 17enne l'aveva aggredita con pugni alla testa, per poi puntare un coltello di cucina alla gola del fratello minore, intervenuto per difendere la propria madre.

 

Il minore, oggi, non è più a casa con i propri familiari ed è sottoposto alla misura cautelare del collocamento in Comunità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato