Contenuto sponsorizzato

Bloccati nelle acque dell'Avisio, momenti di paura per due 11enni

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco che hanno prestato le prime cure. I due bambini sono rimasti bloccati a causa delle correnti e dell'acqua fredda 

Pubblicato il - 28 maggio 2020 - 08:05

LAVIS. Sono stati momenti di paura quelli vissuti nel pomeriggio di ieri da due bambini, di circa 11 anni, che sono rimasti bloccati nelle acque del torrente Avisio

 

Il fatto è accaduto attorno alle sei del pomeriggio. I due stavano facendo il bagno nella zona di Lavis, poco lontano dal ponte di ferro. 

 

Ad un certo punto, però, secondo il racconto fatto, sembra che siano stati sorpresi da una corrente forte e fredda che li ha mandati in panico non riuscendo più a muoversi

 

Le urla dei due undicenni sono state avvertite dalle persone che si trovavano attorno ed è stato immediatamente dato l'allarme. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Lavis che sono riusciti a prestare i primi soccorsi ai due giovani. 

 

Sono stati scaldati con delle coperte termiche. Un grosso spavento ma fortunatamente stavano bene e non è servito l'intervento dei sanitari che sono arrivati sul posto. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 18:21

E' grande il cordoglio in Trentino per la scomparsa di una figura di primo piano per il territorio, un grande impegno che l'ha portato a essere insignito del titolo di "Maestro del lavoro" nel 2007

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato