Contenuto sponsorizzato

Contromano in Autostrada, centra un'altra auto e tornano code infinite sulla A27, Padrin: "Cantieri fantasma, il rischio è che i turisti non tornino sulle nostre Dolomiti"

A rendere ancora più critici i rallentamenti di ieri, domenica 21 giugno, è stato lo schianto auto-auto tra Conegliano e Vittorio Veneto. Il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin: "Sono anni che quel tratto di autostrada è sottoposto a cantieri fantasma con nessun mezzo e operaio al lavoro. La provincia già deve pagare un gap infrastrutturale che è sotto gli occhi di tutti, se poi dobbiamo fare i conti anche con una galleria sempre chiusa e un’autostrada a mezzo servizio, diventa impossibile competere con altre realtà"

 

 

Di Lucia Brunello - 22 giugno 2020 - 15:58

VITTORIO VENETO. Ricomincia la stagione estiva e con questa le infinite code sulla A27 che non lasciano scampo a nessuno: né a chi va verso le montagne, né a chi verso la pianura. A prova di questo, la situazione creatasi ieri, domenica 21 giugno, sia al mattino che la sera, con lunghe colonne di auto fino ai 6 chilometri principalmente concentrate nella zona tra Vittorio Veneto sud e il Fadalto. "Le code viste ieri in A27 non dovranno più ripetersi durante la stagione estiva. Ne va dello sviluppo turistico della nostra montagna", è quanto afferma il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, sulla situazione creatasi domenica 21 giugno in autostrada.

 

"Sono anni che il tratto di autostrada tra Belluno e Conegliano -  prosegue - è costantemente sottoposto a cantieri fantasma, in cui vediamo restringimenti di carreggiata, ma nessun mezzo e nessun operaio al lavoro. Non possiamo permettercelo. La provincia di Belluno già deve pagare un gap infrastrutturale che è sotto gli occhi di tutti. Se poi dobbiamo fare i conti anche con una galleria sempre chiusa e un’autostrada a mezzo servizio, con pedaggio tra i più alti d’Italia, diventa impossibile competere con altre realtà".

 

"Mi metto nei panni del turista che dopo una giornata di relax deve sorbirsi ore e ore di auto per coprire pochi chilometri, prima lungo la Alemagna, poi anche sulla A27; il rischio è che scelga di non tornare più tra le Dolomiti bellunesi, se le condizioni rimangono queste. Nell’estate post-Covid che tutti annunciano come favorevolissima alla montagna, tutto questo è non solo disastroso ma anche intollerabile. Scriverò alla Società Autostrade per fare chiarezza e superare questa situazione. Delle due l’una: o la A27 è un servizio autostradale vero, oppure venga eliminato il pedaggio".

 

A creare ulteriore disagio e rallentamento, domenica 21 giugno, è stato l'incidente causato da uno scontro auto-auto, poiché una di queste stava avanzando contromano, tra Conegliano e Vittorio Veneto Sud in direzione Belluno. Il fatto è accaduto intorno alle 16.40, uno degli orari più "critici" per il traffico sul tratto autostradale. Nello schianto un uomo è rimasto incastrato tra le lamiere del suo mezzo ed è stato dunque necessario l'intervento dei vigili del fuoco di Conegliano dell'elisoccorso del Suem e la polizia autostradale per tutti i rilievi di rito.

 

Anche a causa dei molteplici lavori stradali in tutta l'arteria autostradale, durante i soccorsi si sono quindi formate lunghe code in entrambe le direzioni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato