Contenuto sponsorizzato

Vede la pattuglia e lancia la droga in una siepe ma viene scoperto. Arrestato un 44enne in possesso di eroina e sigarette modificate

 Il fatto è avvenuto nella notte del 25 giugno lungo la strada statale 47 della Valsugana, quando i carabinieri hanno notato un’autovettura parcheggiata con il solo conducente a bordo

Pubblicato il - 26 giugno 2020 - 10:08

PERGINE VALSUGANA. Nella notte del 25 giugno scorso a Pergine Valsugana i carabinieri hanno arrestato P.M., geometra 44enne di Belluno, trovato in possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Intorno alle 03.00, una pattuglia stava transitando nei pressi dell’area di servizio lungo la strada statale 47 della Valsugana, quando ha notato un’autovettura parcheggiata con il solo conducente a bordo. Alla vista dei militari, l’uomo ha cercato di disfarsi di un oggetto lanciandolo in una siepe.

 

 

Tuttavia, nonostante il buio, il gesto furtivo è stato colto dai militari che, dopo aver bloccato l’uomo, hanno immediatamente recuperato l’involucro, scoprendo che conteneva eroina, per un peso complessivo di 35 grammi. I carabinieri hanno quindi identificato e perquisito il fermato e il suo veicolo, rinvenendo e sequestrando anche 44 sigarette “modificate”, confezionate con tabacco, miscelato alla medesima eroina.

 

L’attività si è conclusa con il controllo della sua abitazione da parte dei carabinieri di Belluno.

 

L’arrestato, ha riferito di essere venuto a Trento, per approvvigionarsi della droga presso uno spacciatore di sua conoscenza.

 

L’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari, è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

29 settembre - 10:57

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 984 tamponi, 8 i test risultati positivi. Sono 28 i pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e nessuno deve ricorrere alle cure della terapia intensiva, mentre sono 44 le persone presenti nella struttura di Colle Isarco

29 settembre - 11:29

Le attrezzature da pesca abbandonate rappresentano un pericolo reale per molte specie di pesci, uccelli e mammiferi marini, l’esperto del Muse: “Il filo della lenza può avvolgersi intorno ai tarsi delle zampe, causando la necrosi dei tessuti e la successiva amputazione dell’arto. Oppure può anche avvolgere il collo, causando soffocamento”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato