Contenuto sponsorizzato

Deputata della Lega presa a schiaffi e aggredita mentre attacca i manifesti del referendum. Pugno in faccia a chi l'ha difesa e danni all'auto

La denuncia di quanto accaduto arriva dal commissario provinciale del partito di Salvini Binelli che poi attacca il Comune: ''Oltre allo spavento e le ore perse prima al pronto soccorso e poi la denuncia alle forze dell'ordine, questo episodio è la dimostrazione che ancora una volta a Trento viene portata avanti una politica inesistente sulla sicurezza''

Pubblicato il - 24 May 2022 - 13:09

TRENTO. Sarebbe stata strattonata e schiaffeggiata sul cavalcavia ferroviario di San Lorenzo, la deputata della Lega Martina Loss. E chi ha tentato di difenderla si è preso un pugno in faccia e si è visto la macchina presa a calci e danneggiata, con specchietto rotto e vernice spray sulla carrozzeria. Un atto riprovevole e violento che sarebbe arrivato nella notte mentre la stessa stava attaccando i manifesti del referendum sulla giustizia. La denuncia arriva dal commissario provinciale del partito di Salvini Diego Binelli (a sua volta parlamentare) che spiega che ''quanto avvenuto la scorsa notte a Trento è inaccettabile''. E' lui a raccontare l'evento: ''L’aggressione subita dalla deputata Martina Loss che è stata strattonata e schiaffeggiata sul cavalcavia ferroviario di San Lorenzo a Trento è un episodio che non può e non deve lasciarci indifferenti. È l’ennesimo risultato di miopi e fallimentari politiche sulla sicurezza del comune di Trento''.

 

Il commissario spiega quindi che la deputata, insieme a due militanti della Lega, stava attaccando i manifesti del referendum sulla giustizia sui pannelli comunali quando, intorno alle 22 di domenica scorsa, sono arrivate delle persone che hanno iniziato a staccare i manifesti appena appesi. Alla richiesta da parte della parlamentare di non strappare i cartelli è scattata l’aggressione. Chi era con lei, cercando di difenderla, ha preso un pugno in faccia. I tre si sono rifugiati in macchina, ma gli aggressori hanno cominciato a prendere a calci l’auto, rompendo lo specchietto laterale, il paraurti e imbrattando con lo spray vetri e carrozzeria.

 

“Oltre allo spavento e le ore perse prima al pronto soccorso e poi la denuncia alle forze dell'ordine, questo episodio è la dimostrazione che ancora una volta a Trento viene portata avanti una politica inesistente sulla sicurezza – continua Binelli – più volte la Lega ha denunciato una situazione di degrado e di spaccio anche nel cuore della città, ma dall’ufficio del sindaco abbiamo sempre ricevuto delle rassicurazioni che tutto fosse sotto controllo. La situazione, invece, è ben diversa. Le risse e gli accoltellamenti in giro per la città sono la dimostrazione che il primo cittadino non ha a cuore il problema sicurezza, ma che anzi sottovaluta il rischio di criminalità che si infiltra per le nostre strade. È triste poi pensare come nella città di Trento che si è sempre definita pacifista e democratica non sia possibile neanche affliggere i manifesti sul referendum della giustizia che non hanno simboli di partito. Siamo comunque fiduciosi nel lavoro delle forze dell’ordine – conclude Binelli – certi che troveranno i colpevoli di questa vile aggressione, ma ci auguriamo anche di trovare piena solidarietà da tutte le forze politiche”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 June - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 June - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 June - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato