Contenuto sponsorizzato

Amatrice, dai ristoratori trentini 30 mila euro

Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, ha ringraziato i ristoratori trentini, suggerendo di contribuire alla creazione della zona "food" del villaggio in costruzione per i cittadini di Amatrice

Pubblicato il - 20 ottobre 2016 - 18:38

Ben 30 mila euro. Questo l'ammontare che i ristoratori trentini hanno raccolto a favore delle popolazioni colpite dal terremoto dello scorso agosto nel Centro Italia e che va ad aggiungersi alla solidarietà delle diverse iniziative promosse in Trentino negli ultimi mesi. Stamattina, una delegazione, guidata dal presidente dell'Associazione Ristoratori del Trentino Marco Fontanari, ha incontrato il sindaco di amatrice Sergio Pirozzi per comunicargli l'esito dell'iniziativa e per capire insieme come investire il denaro raccolto. All'indomani del terremoto del Centro Italia dello scorso agosto, l'Associazione dei ristoratori del Trentino si era mobilitata per dare un sostegno alle vittime del disastro con un atto concreto: una raccolta fondi organizzata con i proventi dei coperti di una giornata – venerdì 26 agosto – e con le donazioni volontarie dei singoli imprenditori.

 

Oggi una delegazione formata dal presidente dell'Associazione Marco Fontanari, da Flavio Biondo, Betty Marighetto e dal segretario dell'associazione Mattia Zeni, ha incontrato il primo cittadino di Amatrice per comunicare l'esito dell'iniziativa e dare disponibilità a trovare il modo migliore per investire la somma raccolta.

 

Tra le ipotesi, suggerite dal sindaco di Amatrice, la possibilità di contribuire alla creazione della zona "food" del villaggio in costruzione per i cittadini di Amatrice, sfollati dalle proprie abitazioni. L'area – che dovrebbe sorgere a Campo Trentino, la zona dove è attualmente insediata la Protezione civile trentina – ospiterà ristoranti e altre strutture di ristorazione, con l'intento di ricreare punti di riferimento e ritrovo per la comunità, in modo da favorirne coesione e identità. Oltre a ciò, il sindaco Pirozzi ha suggerito l'idea di un gemellaggio tra la ristorazione di Amatrice e quella trentina, da sancire in occasione dell'inaugurazione delle strutture prevista entro la Pasqua del 2017.

 

«Senza vedere con i propri occhi – ha dichiarato il presidente Fontanari – è impossibile rendersi conto di quanto sia drammatica la situazione. Eppure, nonostante ciò, questo incontro ci ha mostrato una grandissima determinazione, un forte spirito di solidarietà e una concreta volontà di darsi da fare. Oggi abbiamo visto l'Italia migliore, quella che funziona e che fa, che sa collaborare: certamente essere qui ci fa respirare l'orgoglio di essere italiani. Ed anche l'orgoglio di essere trentini: i nostri concittadini hanno svolto un lavoro esemplare, tanto che vedere la nuova scuola è un'esperienza commovente».

 

«Lavoreremo – prosegue Fontanari, che ha portato, in qualità di vicepresidente, anche i saluti e la vicinanza di Confcommercio Trentino – per dare concretezza a quanto chiestoci dal sindaco stamattina: credo che riusciremo a coinvolgere i nostri fornitori nella dotazione di questa nuova area, chiedendo anche a loro un surplus di impegno civile, in modo da rendere la cifra raccolta ancora più preziosa».

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato