Contenuto sponsorizzato

Controlli nei cantieri, 4 denunce per lavoro in nero

Denunciato un altro albergatore che ha omesso di nominare il responsabile della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori

Pubblicato il - 19 ottobre 2016 - 14:12

VAL RENDENA. Denunciati per irregolarità nei confronti dei propri dipendenti. Lavori in nero e non rispetto dei regolamenti in materia di sicurezza, questo è quello che hanno trovato negli ultimi giorni i Carabinieri di Madonna di Campiglio, dipendenti dalla Compagnia CC di Riva del Garda, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale in materia di tutela dei lavoratori.

 

Nei periodi di chiusura degli alberghi molti imprenditori del settore provvedono a degli ammodernamenti agli immobili e la località della Val Rendena si riempie di ditte ed operai edili.

In questo contesto i carabinieri, con il personale dell’Ispettorato del lavoro della Provincia Autonoma di Trento, hanno controllato 5 cantieri, dislocati in altrettante strutture ricettive, riscontrando che 4 operai edili, tutti rumeni, giunti appositamente da fuori provincia, stavano eseguendo lavori “in nero”, quindi senza i previsti versamenti contributivi. E’ quindi scattata la denuncia per i proprietari di un hotel e per l’amministratore della struttura.

 

Sempre nel corso dei controlli è stato denunciato un altro albergatore in quanto, come proprietario e committente dei lavori, aveva omesso di nominare il responsabile della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori. Oltre alle denunce alla Procura della Repubblica di Trento, gli ispettori del Lavoro effettueranno ulteriori verifiche di loro competenza per accertare eventuali altre inosservanze di legge.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato