Contenuto sponsorizzato

Da Trento è partita la segnalazione contro la Volkswagen. Clausole a danno dei consumatori?

Il Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori, dopo una prima diffida alla casa automobilistica tedesca, si è rivolto all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. La lente su una clausola contenuta nei contratti di vendita che non tutelerebbe l'acquirente 

Di G.Fin - 19 giugno 2017 - 12:54

TRENTO. “Clausola vessatoria nei contratti d'acquisto auto Volkswagen”. Dopo una diffida avvenuta nei mesi scorsi andata purtroppo a vuoto, ora il Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori si è rivolto all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

 

L'azione è partita direttamente dal centro consumatori di Trento e riguarda la presenza, nei contratti di vendita della casa automobilistica Volkswagen, di una clausola che non offre alcuna tutela per l'acquirente.

 

La casa tedesca, in particolare, adotta clausole nei propri contratti di acquisto di auto nuove che, ci spiega il Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori di Trento, sono vessatorie. In particolare, Volkswagen, stabilisce che il consumatore al momento della firma del contratto versa una somma di denaro, non più a titolo di caparra confirmatoria come dovrebbe essere, ma a titolo di deposito cauzionale.

 

Normalmente questa clausola, se predisposta in maniera esatta, consente all'acquirente, nel momento in cui il venditore non rispetta i termini, di ricevere il doppio della caparra versata. La modifica apportata dalla Volkswagen, invece, spiegano sempre i Consumatori, fa in modo che in caso di mancato rispetto dei termini fissati, il venditore non debba restituire il doppio della somma versata.

 

“In pratica – ci spiega il direttore Carlo Biasior – il contratto della Volkswagen stabilisce che se è inadempiente il compratore, il venditore si tiene la somma versata della caparra a firma del contratto mentre se l'inadempiente è il venditore, in questo caso quest'ultimo si limita solamente a versare la somma data prima dal consumatore e nulla più”.

 

Dopo diverse verifiche il Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori di Trento ha inviato il 6 settembre 2016 una diffida alla casa automobilistica che però non ha portato i risultati sperati. Successivamente si è quindi proceduto alla richiesta all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per un accertamento della vessatorietà delle clausole contrattuali in Condizioni

Generali di Vendita ad Acquirente Autovetture Volkswagen.

 

Si è quindi chiesto di verificare la fondatezza dei rilievi sollevati della Centro Consumatori e nel caso di aprire un procedimento.

 

“Ora siamo in attesa – ha spiegato Biasior – che l'Autorità faccia le opportune verifiche. Siamo stati il primo Centro Consumatori a fare questo tipo di segnalazione e la nostra speranza è che nel caso si arrivi ad un procedimento, l'Autorità avvii dei controlli anche nei contratti di altre case automobilistiche”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato