Contenuto sponsorizzato

E' allarme nei rifugi per la carenza d'acqua. Sat: "Predisposto un cartellone per rendere consapevole la clientela della situazione"

Nell'incontro tra la Commissione Rifugi e i gestori dei rifugi Sat tra i temi toccati anche quello sulla sicurezza anti incendi 

Pubblicato il - 31 maggio 2017 - 19:52

TRENTO. Il problema dell'acqua nei rifugi e la sicurezza anti incendi. Sono questi i due temi principali al centro dell'incontro tra la Commissione Rifugi e i gestori dei rifugi Sat che si è tenuta ieri in occasione dell'apertura ufficiale da sempre fissata attorno al 20 giugno.

 

Come già era stato sottolineato nell'ultima assemblea, il problema delle risorse idriche nei rifugi si fa sempre più sentire tanto da costringere la Sat ad una nuova campagna di sensibilizzazione nei confronti degli escursionisti. Una campagna per la quale è stato preparato un cartellone sulla necessità impellente di utilizzare meno acqua possibile, un manifesto, uguale per tutti i rifugi per informare e rendere consapevole la clientela delle particolari condizioni che si sono venute a creare, un primo ma non unico strumento (servirà anche una incessante comunicazione verbale) per far fronte al problema.

 

I cambiamenti climatici, purtroppo, stanno stravolgendo i paradigmi degli approvvigionamenti idrici soprattutto nelle strutture in quota. I rifugi Sat prelevano acqua al 28% dalla sorgente, nel 22% dei casi dal torrente, all'8% dai laghi, l'11% usa acqua piovana, il 14% dipende dallo scioglimento della neve e solo il 17% è collegato all'acquedotto.

 

Negli ultimi tempi, la carenza di precipitazioni e soprattutto di accumuli di neve in quota ha creato sempre nuovi problemi e l'attenzione dei soli gestori con i controlli continui ai punti di captazione, serbatoi, condotte, riduzione della pressione nei circuiti, chiusura delle docce in caso di deflussi minimi, non sono più abbastanza.

 

Grande attenzione è stata poi alla sicurezza anti incendi. Per questo la dirigenza SAT ha invitato l'ingegner Gabriele Pilzer, tecnico del Servizio Anticendi e Protezione Civile del Corpo Permanente dei Vigili del Fuoco di Trento, per un ripasso ed un aggiornamento, sulle normative in vigore e sulla prevenzione. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato